Si può circolare con un faro rotto auto bruciato secondo Codice della Strada 2021 o c'è sempre multa

Secondo l'articolo 72 del Codice della strada, i ciclomotori, i motoveicoli e gli autoveicoli devono essere equipaggiati con dispositivi di segnalazione visiva e di illuminazione.

Si può circolare con un faro rotto auto

Faro auto rotto o bruciato: si può circolare?

Le norme in materia non prevedono alcuna eccezione e parlano chiaro: è vietato circolare con un faro rotto o non funzionante.

L'imprevisto è sempre dietro l'angolo perché può capitare che da un momento all'altro la lampadina di uno dei fari dell'auto si bruci. Può succedere sia ai fari anteriori, più facilmente visibili, e sia per quelli posteriori. In tutti i casi vanno messe in conto conseguenze per la sicurezza di due tipi.

Innanzitutto per se stessi ovvero per chi guida. La visibilità è infatti ridotta e soprattutto laddove si percorrono strade poco o non illuminate, i pericoli aumentano.

Ma c'è da considerare anche un altro aspetto ovvero che i fari servono anche per farsi individuare dagli altri automobilisti, dai pedoni e da tutti coloro che sono presenti sulla strada al momento del passaggio del veicolo. Circolare con un faro rotto o bruciato può ad esempio comportare di confondere un'auto con una moto.

Diventa allora interessante scoprire cosa prevede la normativa in materia, se ammette la circolazione con un solo faro e quali sono eventualmente le multe comminate:

  • Faro auto rotto o bruciato: si può circolare o c'è sempre la multa
  • Cosa dice il Codice della strada sulla circolazione con faro rotto

Faro auto rotto o bruciato: si può circolare o c'è sempre la multa

Oggi è piuttosto raro vedere un'auto circolare con un faro rotto all'insaputa del conducente. La maggior parte delle auto più recenti dispone di sensori che avvisano il proprietario quando è necessaria una sostituzione e i fari delle automobili moderne sono realizzati in plastica praticamente indistruttibile.

Detto questo, i fari possono ancora rompersi, bruciarsi o deteriorarsi e devono essere sostituiti. Le norme in materia non prevedono alcuna eccezione e parlano chiaro: è vietato circolare con un faro rotto o non funzionante. Sebbene con un faro spento sia possibile vedere e persino guidare, qualsiasi corso sulla sicurezza di guida spiegherebbe che farlo non solo non è consigliabile ma anche illegale ed estremamente pericoloso. A cui aggiungere la sanzione amministrativa che viene comminata: da 87 a 345 euro.

Non solo, ma le forze dell'ordine che effettuano il controllo e rilevano il mancato funzionamento di tutti i fari dell'auto, possono anche proibire di proseguire la marcia. Dipende dal tipo di irregolarità dei dispositivi di illuminazione. Come abbiamo premesso, nel caso di rottura della lampadina di un faro anteriore, i rischi per la sicurezza propria e degli altri automobilisti è inferiore rispetto al mancato funzionamento dei fendinebbia.

A tal proposito, a incedere sono anche le condizioni atmosferiche e quella della strada. Di certo c'è che guidare con un solo faro riduce in modo significativo la visibilità, compromettendo la capacità di vedere completamente la strada. Tale situazione può diventare particolarmente pericolosa se si incontrano ostacoli imprevisti.

Cosa dice il Codice della strada sulla circolazione con faro rotto

Tutti i dettagli sulla circolazione con faro rotto o comunque con un dispositivo non funzionante sono perfettamente normati. Secondo l'articolo 72 del Codice della strada, i ciclomotori, i motoveicoli e gli autoveicoli devono essere equipaggiati con dispositivi di segnalazione visiva e di illuminazione.

L'obbligo di accedere i fari dell'auto va dal tramonto all'alba. Tutti i veicoli a motore, a eccezione delle motociclette, devono avere due fari. Di conseguenza l'automobilista che ha un faro difettoso o bruciato è destinato a essere fermato dalla prima pattuglia che effettua un controllo.

Il modo migliore per evitare di essere fermati per avere un faro spento è semplicemente quello di non mettersi mai in viaggio con un faro difettoso o non funzionante. Prima di partire per la prossima destinazione è sempre meglio dedicare qualche secondo ad accendere i fari e ad assicurarsi che nessuno dei due sia bruciato.

La sostituzione di una lampadina può essere relativamente poco costosa e a volte è anche possibile farlo in piena autonomia. In fondo è semplice il Codice della strada a ricordarlo nell'articolo 79, nella parte in cui fa presente che i veicoli a motore e i loro rimorchi durante la circolazione devono essere tenuti in condizioni di massima efficienza, comunque tale da garantire la sicurezza.

Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il