Monete 1-2 centesimi euro via da Conad e altri supermercati e si può guadagnare online

Al centro dell'attenzione ancora i centesimi di euro, le monte da 1-2 euro che sono protagoniste di due nuove iniziative.

Monete 1-2 centesimi euro via da Conad e

centesimi euro denaro virtuale macchinetta Centy


Ritornano protagoniste le monetine da 1-2 centesimi di euro in due modi. La prima con la decisione di Conad e di altre grandi catene, l'altra con una interessante iniziativa che permette di guadagnare proprio dai centesimi di euro.

Da una parte la decisione della Conad, dall'altra una invenzione di una startup italiana, tutte riguardanti l'utilizzo o il non utilizzo dei centesimi di euro. Da una parte l'idea di eliminare queste monete, dall'altra farle fruttare anche online. In tutti e due i modi ci si guadagna, comunque.

Conad basta con le monte da 1-2 centesimi

Conad ha deciso che da ora in poi tutti i prezzi saranno tondi, o al massimo con uno sconto di 5 o 10 centesimi, ma non di uno o due centesimi. Basta con i prezi 0,99 per fare un esempio o 0,98, saranno perlopiù a cifra tonda o come appena spiegato con uno di 10 centesimi. Tutto questo è stato definito dai vertici di Conad e verrà per tutti i prodotti e per tutti i suermecati del Gruppo sparsi in tutta Italia. Un guadagno per il supermercato? Forse sì o forse no,perchè Conad potrebbe decidere sconti più ampi di 10 centesimi. Poco certo, ma meglio di nulla.

E se 1-2 centesimi o più ti rimangono in tasca....ci puoi guadagnare

Milioni di italiani, e non solo, con milioni di monetine da uno, due, cinque centesimi spesso inutilizzati ma che, stando alle ultime notizie, potrebbero godere di nuova vita grazie ad una nuova idea sviluppata e realizzata in provincia di Milano.

L’idea, resa progetto concreto, è stata sviluppata da Davide Caiafa e Lorenzo Vidoz, fondatori di Centy, una startup che realizzerà la macchinetta che dovrebbe convertire le monetine in denaro virtuale, da spendere come si vuole. La nuova macchinetta potrà essere installata in tutti i luoghi in cui c'è necessità di spiccioli, che siano supermercati o attività commerciali e sarà direttamente collegata aa una specifica app sullo smartphone. Basteranno pochi secondi per calcolare il valore dei centesimi posseduti e leggere sullo schermo del telefono la somma che bisognerà decidere dove accreditare.

Come nasce l’idea di Centy

L’idea dell’innovativa macchinetta Centy nasce da due giovani ragazzi della provincia di Milano, Davide Caiafa, classe 1977, di Magnago, e Lorenzo Vidoz, che hanno creato la startup con l’idea di rimettere in circolazione milioni di centesimi che non vengono mai utilizzati e che spesso diventano oggetto da collezione. Come spiegato da Davide, lui stesso si era reso conto di avere in casa tantissime monetine in centesimi che spesso, dopo veloci calcoli, valevano tanto per cui se fossero stati utilizzati avrebbero permesso di acquistare diverse cose. Perché, dunque, lasciarli inutilizzati piuttosto che trasformarli in moneta corrente?

Oggi sarebbero circa 180 milioni gli euro non spesi, in centesimi, accumulati nelle case degli italiani, basti pensare che dal 2002 sono state coniate monete da 1 e 2 centesimi per un totale di 46 miliardi di pezzi, senza dimenticare i costi, visto che la stessa Zecca per coniare i centesimi spende circa 30 milioni all’anno. La macchinetta innovativa, pertanto, permette di utilizzare questi centesimi come fossero uno, due, cinque euro: basta immettere nell’apposita macchinetta tutti i centesimi che si hanno e avere una connessione bluetooth collegata ad smartphone. Una volta giunti in un determinato luogo in cui la macchinetta è installata, come un supermercato, per esempio, basta aprire l’applicazione e posizionarsi davanti alla macchinetta stessa che, in automatico, aprirà uno sportellino dove inserire le monetine e lo smartphone effettuerà il conteggio. Dopo qualche secondo si saprà l’importo e sarà accreditato dove sceglie il cliente, tra conto corrente, ricarica telefonica etc.