BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Esodati: Renzi-Bersani d'accordo su soluzione e pensione per tutti

Esodati e novità: accordo tra Renzi e Bersani



Pensioni e questione esodati nella sfida tra Renzi e Bersani: i due candidati in corsa per elezioni primarie del Pd sembrano aver trovato un punto di incontro su questi temi. Era disaccordo sulla riforma delle pensioni: secondo Renzi non si sarebbe dovuta toccare, mentre l'intenzione di Bersani era quella di renderla più flessibile. Ora il punto di incontro sembra trovato.

Tutti dovrebbero essere tutelati. Intanto, secondo le ultime novità previste, per gli esodati della pubblica amministrazione, diversamente da quanto annunciato inizialmente, farà fede la data di emanazione ufficiale del provvedimento di esonero, che non potrà essere successiva al 4 dicembre 2011.

Ad annunciarlo il Ministero del lavoro, che ora sostiene il contrario di quanto indicato dalla Funzione Pubblica di Filippo Patroni Griffi. Secondo il documento precedente, infatti, era sufficiente disporre di un semplice parere favorevole per i dipendenti pubblici coinvolti, purché entro il 4 dicembre 2011, per rientrare nei canoni di tutela.

Ora, invece, il comparto governativo delle politiche sul lavoro smentisce quanto previsto in precedenza, per cui ora non è sufficiente avere avuto l’ok, ma si deve possedere un attestato formale di esonero dal servizio, non posteriore al 4 dicembre dello scorso anno, per accedere ai parametri di salvaguardia. Rimangono validi anche i patti firmati in sede di contrattazione collettiva.

Stretta, invece, sui lavoratori poi rioccupati: gli incentivi si alzeranno solo per coloro che dimostreranno di essere stati assunti come lavoratori subordinati in mobilità, che verranno riconosciuti come vincolati al nuovo impiego per non vedere decaduto il diritto all’ammortizzatore.
 
 

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il