BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Esodati e Legge di Stabilità Governo Letta. Nessun intervento reale dopo tante promesse

Ancora nulla su esodati ma probabilmente non arriverà alcuna novità in Legge Stabilità



Si lavora al reperimento di 330 milioni mancanti dalle scorte per gli ammortizzatori in deroga: l’annuncio arriva dal ministro del Lavoro, Enrico Giovannini,  che ha, tra l’altro, aperto a nuove salvaguardie per gli esodati già in Legge di Stabilità 2014. L’intento è soprattutto quello di occuparsi dei 55mila tutelati del secondo decreto, il provvedimento inserito nella spending review, molti dei quali restano tuttora in attesa di vedere il primo assegno erogato.

Il ministro ha annunciato la volontà, con i prossimi provvedimenti, di “garantire un ulteriore allargamento della platea a risorse date”. Ma è sempre più difficile che vengano approvati interventi seri per sciogliere il nodo esodati una volta per tutte, soprattutto per mancanza di coperture.

E sarebbero ancora migliaia le persone che rischiano ancora di rimanere senza lavoro e senza pensione. E paradossalmente colei che ha dato vita a questa questione spinosa, l'ex ministro Fornero, è stata premiata per la migliore idea economica del 2012, l'introduzione dell'Aspi, è stata altresì contestata per la vicenda da una ventina di esodati davanti alla sede romana dell'Abi dove si era recata per ricevere il permio Tarantelli per l'economia.

Ma lei si è limitata a dire: “Sono dispiaciuta, il governo fece quello che poteva, bisogna trovare una soluzione”. La Fornero è stata premiata “per aver compiuto un primo passo verso la riforma del welfare, mediante l'introduzione nel 2012 dell'Aspi (assicurazione sociale per l'impiego), che razionalizza, semplifica ed estende a tutti i disoccupati l'assegno di disoccupazione, ma contemporaneamente introduce politiche attive di reinserimento nel mondo del lavoro”.

 
Autore:

Marianna Quatraro

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il