BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Esodati e Legge di Stabilità 2013-2014 Governo Letta: nuove proposte. Ma non soluzioni definitive

Nuovo intervento esodati ma soluzione definitiva ancora lontana



Il viceministro dell’Economia Stefano Fassina (Pd) ha annunciato che il governo presenterà un ‘intervento importante’ sugli esodati. Senza troppo sbilanciarsi sulle cifre, Fassina ha parlato di “risorse cospicue per salvaguardare coloro che dovevano andare in pensione nel 2014 e che rimarrebbero senza nulla”.

Si tratta di 20mila persone che vanno ad aggiungersi ai 6mila già ‘salvati’ dal Senato (con un costo superiore ai 120 milioni) durante la prima lettura della manovra economica.Le risorse per salvare gli esodati, coloro che cioè si ritrovano senza stipendio e senza pensione per l’allungamento dell’età pensionabile stabilito dall’ex ministro Fornero, dovrebbero essere trovati nel fondo che servirà anche a tagliare il cuneo fiscale e che verrà alimentatato dai capitali esportati all’estero attraverso l’accordo con la Svizzera (di là da venire) e dai frutti della spending review.

Fassina ha annunciato anche altre novità che arriveranno dall’esecutivo, tra cui un intervento sull’indicizzazione delle pensioni, ovvero il loro adeguamento al costo della vita fino al 95%, confermando che l’intervento interesserà gli assegni fino a quattro volte il minimo: 2000 euro lordi al mese. Il Pd ha poi presentato un emendamento che prevede che gli iscritti a più forme di previdenza obbligatoria potranno cumulare i versamenti dei periodi contributivi non coincidenti al fine di conseguire un’unica pensione di vecchiaia o anticipata.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il