BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni donne a 65 anni pubblica amministrazione dal 2018. Aumento età dal 2010

L’età pensionabile per le donne lavoratrici nel pubblico impiego aumenterà a 65 anni entro il 2018. La bozza del governo.



L’età pensionabile per le donne lavoratrici nel pubblico impiego aumenterà in maniera graduale dal 2010 per arrivare a 65 anni entro il 2018. Lo prevede la bozza del governo inviata alla commissione europea. Ed è polemica anche sui dati che riguardano i precari statali.

La Corte europea di Giustizia aveva chiesto all’Italia di adeguare il trattamento pensionistico e così la bozza del governo inviata a Bruxelles per il via libera preventivo prevede un graduale aumento dell’età pensionabile delle donne nella pubblica amministrazione. Dal primo gennaio 2010 l’età che segnerà la fine del rapporto di lavoro inizierà a salire (61 anni) e continuerà ad aumentare di un anno ogni biennio (62 nel 2012, 63 nel 2014, 64 nel 2016, 67 nel 2017). Risultato: arrivare a 65 anni entro il 2018.

Il provvedimento riguarderà solo le dipendenti della pubblica amministrazione e dovrebbe essere inserito come emendamento nel disegno di legge comunitario all’esame delle Commissioni in Senato. La norma prevede comunque che restano ferme la disciplina vigente in materia di decorrenza del trattamento pensionistico e le disposizioni vigenti relative a specifici ordinamenti che prevedono requisiti anagrafici più elevati, nonchè le disposizioni di cui all'articolo 2 del decreto legislativo 30 aprile 1997, n.165.

Attualmente è possibile per le lavoratrici rimanere in servizio fino a 65 anni solo su base volontaria. Secondo gli analisti del ministro della Funzione Pubblica, Renato Brunetta, ci sarebbe un risparmio di circa 2 miliardi e 300 milioni di euro in otto anni, raddoppiabile se l’equiparazione venisse estesa anche alle donne che lavorano nel settore privato.

La Cgil ha già definito la bozza del governo ‘inaccettabile’, parlando di accanimento contro le donne Smentita, infine, l’ipotesi di un decreto che blocchi la stabilizzazione dei precari nel pubblico impiego.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il