Come denunciare lo sfruttamento del lavoro nero e a chi rivolgersi

Denunciare il lavoro nero è possibile e anche in forma anonima: da Ispettorato del Lavoro a Guardia di Lavoro, cosa fare

Come denunciare lo sfruttamento del lavo

A chi ci si deve rivolgere per denunciare lo sfruttamento del lavoro nero?

Per denunciare lo sfruttamento del lavoro in nero bisogna rivolgersi alla Direzione del lavoro, ufficio dell'Ispettorato del lavoro più vicino al luogo dove ha sede dell'azienda che impiega lavoratori in nero o dove si trova il datore di lavoro che fa lavorare persone in nero. In alternativa ci si può rivolgere presso le caserme competenti della Guardia di Finanza.

Come denunciare lo sfruttamento del lavoro nero? La piaga del lavoro nero continua ad essere un fenomeno molto diffuso nel nostro Paese, che si sviluppa soprattutto a causa della tassazione che grava sui datori di lavoro e che per avere minori costi decidono di assumere personale senza metterlo in regola con relativo contratto di lavoro.

Ma il lavoro nero è illegale, rappresenta un reato e sono previste sanzioni pesanti per datori di lavoro e aziende che fanno lavorare in nero, come per gli stessi lavoratori che si prestano a tale meccanismo lavorativo senza denunciare, perché denunciare il lavoro nero è possibile ed è tanto diritto quanto dovere del lavoratore denunciare. 

  • Come denunciare lo sfruttamento del lavoro nero
  • A chi rivolgersi per denunciare lo sfruttamento del lavoro nero

Come denunciare lo sfruttamento del lavoro nero

Il lavoro nero può essere denunciato, come previsto dalla legge, e anche in forma anonima, semplicemente inviando una denuncia tramite Pec (posta elettronica certificata) o tramite raccomandata a.r. da parte di un avvocato indirizzata o all’Ispettorato provinciale del lavoro, o alla Guardia di Finanza. 

In ogni caso, o ispettori del lavoro o militari hanno l'obbligo di effettuare controllo e relative verifiche del caso presso azienda o datore di lavoro presso cui è stato denunciato il lavoro nero senza dover rendere nota agli stessi l'identità di chi ha denunciato il lavoro nero. 

Una volta effettuate le dovute verifiche, se ispettori del lavoro o militari rilevano effettivamente forme di lavoro nero, scattano sanzioni generalmente amministrative nei confronti di azienda o datore di lavoro, che devono pagare al lavoratore in nero una somma di importo pari alla retribuzione regolare che avrebbero dovuto versare al lavoratore in nero per il periodo di lavoro nero, comprensivo di ogni voce, e con versando dei dovuti mancati contributi previdenziali Inps, e se l'evasione fiscale da parte di azienda o datore di lavoro risula grave, si cade nel reato penale che prevede una pena fino a 3 anni di reclusione.

A chi rivolgersi per denunciare lo sfruttamento del lavoro nero

Per denunciare lo sfruttamento del lavoro in nero bisogna rivolgersi all'ufficio dell'Ispettorato del lavoro più vicino al luogo dove ha sede dell'azienda che impiega lavoratori in nero o dove si trova il datore di lavoro che fa lavorare persone in nero. In alternativa ci si può rivolgere presso le caserme competenti della Guardia di Finanza.

Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il