Contratto badante 2020-2021 cosa cambia con rinnovo CCNL. Miglioramenti e differenze

Da aumenti di stipendio ad estensione del periodo di prova fino a 30 giorni e nuove indennità. Come cambia il CCNL badante 2020-2021

Contratto badante 2020-2021 cosa cambia

Cosa cambia con rinnovo contratto badante 2020-2021?

Il rinnovo del contratto badante 2020-2021 prevede aumenti salariali di 12 euro al mese per il livello B super, nuove indennità e un maggior numero di ore da usare per percorsi di formazione professionale. Esteso, inoltre, anche il periodo di prova fino a 30 giorni.

E’ stato rinnovato il contratto badante 2020-2020, stipulato tra le associazioni datoriali, FIDALDO, costituita da Assindatcolf, Nuova Collaborazione, ADLC, ADLD, e DONIMA e le organizzazioni sindacali dei lavoratori, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil e Federcolf, con novità e miglioramenti per stipendi, indennità, formazione professionale. Vediamo cosa cambia con il rinnovo del contratto badante 2020-2021.

  • Contratto badante 2020-2021 aumenti stipendio e nuove indennità
  • Contratto badante 2020-2021 estensione periodo di provo con rinnovo CCNL
  • Rinnovo CCNL badante 2020-2021 cosa cambia per formazione professionale


Contratto badante 2020-2021 aumenti stipendio e nuove indennità

Il rinnovo del contratto badanti 2020-2021 prevede un aumento di 12 euro al mese per il livello B super, portando ad 880 euro il minimo contrattuale per le badanti conviventi. Gli aumenti scatteranno dal prossimo mese di gennaio 2021.
Insieme agi aumenti retributivi, per le badanti sono inoltre previste:

  • una indennità fino 100 euro al mese per le badanti a livello ‘C super’ o ‘D super’ addetti all’assistenza di più di una persona non autosufficiente, assorbibile da eventuali superminimi individuali di miglior favore percepiti dal lavoratore, che scatta dal prossimo primo ottobre;
  • una indennità di 10 euro al mese per le badanti che siano in possesso della certificazione di qualità.

Contratto badante 2020-2021 estensione periodo di provo con rinnovo CCNL

Tra le novità per le badanti previste da rinnovo del relativo CCNL 2020-2021 c’è l’estensione del periodo di prova a 30 giorni per tutte le badanti conviventi. In particolare, stando a quanto previsto, le badanti inquadrate nei livelli D) e D super) e le badanti conviventi indipendentemente dal livello di inquadramento, devono sostenere un periodo di prova regolarmente retribuito di 30 giorni di lavoro effettivo.

Per gli altri rapporti di lavoro, il periodo di prova è di 8 giorni di lavoro effettivo. Durante il periodo di prova, il rapporto di lavoro può essere risolto in qualsiasi momento sia da datore di lavoro che dalla badante anche senza preavviso, mentre la badante che termina e supera il periodo di prova senza alcuna disdetta viene automaticamente confermata a lavoro.

In tal caso, il lavoro prestato durante il periodo di prova viene calcolato ai fini dell’anzianità.

Rinnovo CCNL badante 2020-2021 cosa cambia per formazione professionale

Per quanto riguarda i percorsi di formazione professionale, si aggiungono ulteriori 24 ore di permesso alle 40 già disponibili. Per le badanti a tempo pieno e indeterminato, che abbiano una anzianità di servizio presso il datore di lavoro di almeno 6 mesi, erano, infatti, già previste 40 ore di permesso retribuito per la frequenza di corsi di formazione professionale specifici per collaboratori o assistenti familiari, che ora diventano dunque 64.

Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il
Puoi Approfondire
Ultime Notizie