Tredicesima in maternitÓ anticipata spetta o non deve essere pagata secondo Ccnl e leggi 2021

Tredicesima in maternitÓ anticipata spetta o non deve essere pagata secondo Ccnl e leggi 2021

Tredicesima in maternitÓ anticipata spet

La tredicesima in maternitÓ anticipata spetta?

Stando a quanto previsto dalle leggi 2021, la tredicesima in maternità anticipata spetta ed è un diritto per le donne lavoratrici esattamente come previsto per la maternità obbligatoria e a prescindere dal ccnl di inquadramento professionale. Ciò significa che tutte le donne in maternità anticipata hanno diritto a calcolo e pagamento della tredicesima mensilità. 
 

La tredicesima spetta per il periodo di maternità anticipata? Il periodo della maternità è quello che tante donne aspettano per la gioia di diventare mamme ma che comporta diverse domande e dubbi per le donne lavoratrici. 

C’è, infatti, chi teme di poter perdere il proprio ruolo e la propria ‘importanza’ a lavoro per l’assenza prolungata per maternità, chi si chiede quali siano i trattamenti economici che spettano in gravidanza alle lavoratrici e se tra questi spetta la tredicesima.

Il periodo della maternità a lavoro è calcolato per la maternità obbligatoria in cinque mesi: la lavoratrice può assentarsi dal lavoro per due mesi prima del parto e tre dopo, o per un mese prima del parto e quattro dopo o, se le condizioni fisiche accertate dal medico lo permettono, lavorare fino al momento del parto per poi farsi i cinque mesi di maternità obbligatoria tutti dopo il parto. 

Nel caso della maternità anticipata, si tratta della possibilità di astensione dal lavoro prima del tempo previsto a causa di gravidanza a rischio e se si è impiegate in mansioni che a lungo andare potrebbero nuocere a mamma o bimbo. Vediamo in questo pezzo se la tredicesima spetta nei casi di maternità anticipata. 

  • Tredicesima in maternità anticipata spetta o non deve essere pagata
  • Erogazione tredicesima in maternità anticipata

Tredicesima in maternità anticipata spetta o non deve essere pagata

Stando a quanto previsto dalle leggi 2021 la tredicesima in maternità anticipata spetta e le norme specifiche relative alla tredicesima in maternità prevedono, in particolare, che:

  • per il periodo della maternità facoltativa non si ha diritto alla tredicesima;
  • per il periodo della maternità obbligatoria si ha diritto alla tredicesima;
  • per il periodo della maternità anticipata, per gravidanza a rischio si ha diritto alla tredicesima.

Dunque, per il periodo di maternità anticipata, che è il periodo di astensione obbligatoria dal lavoro che anticipa di un mese la maternità obbligatoria, la donna lavoratrice ha diritto ad avere la tredicesima, a prescindere dal Ccnl di assunzione, a meno che il ccnl non preveda in generale la tredicesima cosa che, però, non è quasi mai contemplata. Si tratta di un diritto valido per tutte le lavoratrici, esattamente come previsto per la tredicesima della maternità obbligatoria.

Il diritto alla tredicesima in maternità anticipata per gravidanza a rischio è previsto dalle leggi 2021 secondo cui i periodi in cui viene calcolata la tredicesima sono non solo quelli effettivamente lavorati ma anche quelli relativi a:

  • congedo matrimoniale;
  • congedo per maternità, compresa quella anticipata (diritto non previsto per la maternità facoltativa);
  • periodo di ferie e permessi retribuiti;
  • assenza per malattia, per malattia professionale o infortunio sul lavoro nei limiti del periodo di comporto previsti dai diversi Ccnl;
  • cassa integrazione ad orario ridotto.

Erogazione tredicesima in maternità anticipata

Ciò che cambia tre erogazione della classica tredicesima per i lavoratori dipendenti e tredicesima per lavoratrici in maternità anticipata nel caso di svolgimento di impieghi che possono mettere a rischio la gravidanza è che in quest’ultimo caso l’importo della tredicesima non viene accreditato tutto nel mese di dicembre ma viene accreditato mese per mese.


 

Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il