Rogito 2019-2020, quanto costa. Spese medie del notaio quando si compra casa

di Marianna Quatraro pubblicato il
Rogito 2019-2020, quanto costa. Spese me

Rogito 2019-2020 quanto costa Spese medie notaio

Cos’è e a cosa serve il rogito per l’acquisto di un immobile: valore delle spese notarile e cosa è importante sapere

Il rogito rappresenta uno dei momento fondamentali nell’acquisto di un immobile: è un documento notarile che sancisce il passaggio di proprietà di un immobile, sia esso appartamento, edificio, terreno.

Con il rogito, il compratore acquista da un venditore un bene immobile e a stipulare il rogito è il notaio, con spese che variano ma che vengono concordate e poi inserite nel documento perché siano tracciate.

Il notaio redige il rogito, legge dinanzi alle due parti, venditore e compratore, l'intero contratto, spiega i passaggi cruciali, verifica la regolarità della documentazione richiesta. Ma quali sono le spese medie notarili quando si compra una casa?

Acquisto casa: primi passi per il rogito notarile

Prima dell’atto del rogito 2019-2020, il notaio stesso è incaricato di effettuare indagini specifiche sull'immobile oggetto di compravendita e se la denominazione dell’immobile è libero al rogito significa che lo stesso immobile è pronto per il rogito del notaio, che non ha ipoteche o altre questioni pendenti da risolvere; deve inoltre verificare che l’immobile sia in regola con le norme catastali ed edilizie. Una volta accertate tutte le caratteristiche dell’immobile e che questo sia in regola allora si procede a definire il rogito.

Comprare casa, cosa comprende il rogito  

Una volta stilato il rogito da parte del notaio per la compravendita, una copia andrà al venditore, una copia al compratore, una copia rimarrà al notaio per il suo archivio e una copia deve essere depositata alla Conservatoria entro e non oltre il ventesimo giorno dalla firma dell'atto stesso. Ed è il notaio che si occupa di questo passaggio. Il rogito della casa prevede nel dettaglio:

  1. valore di cessione dell'immobile, cioè il prezzo dell’immobile oggetto di compravendita;
  2. modalità di pagamento con cui il compratore intende saldare il proprio debito;
  3. spese sostenute dal notaio nel corso della lavorazione per la redazione del rogito casa, come le spese sostenute per ottenere copie di documenti o di certificati da allegare all'atto notarile.

Rogito immobili costo medio spese notarili 2019-2020

Per quanto riguarda i costi del rogito, il notaio emette una parcella e la somma stabilita viene interamente pagata da chi effettua l’acquisto. Chi compra l’immobile non solo sostiene le spese notarili per il rogito ma anche quelle per l’atto casa, cioè l'atto di compravendita e la sua redazione; per l’atto di mutuo; e di cancelleria ed oneri di segreteria.

Le spese notarili, dunque, riguardano redazione dell’atto di compravendita e dell'atto di mutuo, solitamente proporzionali al prezzo dell'immobile e al valore dell'ipoteca iscritta a garanzia del mutuo. In generale possiamo dire che più alto è il prezzo dell'immobile e l'importo del mutuo, più alte sono le spese notarili, cui aggiungere le imposte per la compravendita della casa: l'imposta di registro, l'imposta catastale, l'imposta ipotecaria e l'Iva. Per quanto riguarda l’imposta di registro è pari al 2% del valore catastale dell’immobile nel caso di prima casa e al 9% nel caso di altro immobile diverso dalla prima casa; mentre l’Iva oscilla dal 9% al 22%.

Ad un notaio si devono le spese per l’onorario per l’attività professionale, le tasse, le imposte e le spese che il notaio sostiene prima e dopo l’atto notarile, sia per l’atto notarile stesso, secondo tariffe minime e massime ben specifiche per i notai. Considerando che, come appena spiegato, le spese notarili per rogito e altri documenti necessari per l’acquisto di un immobile variano in base al valore dell'immobile, per capire quanto può costare il tutto, prendiamo l'esempio dell'acquisto di una prima casa del valore catastale di 80mila euro che viene venduta a un prezzo di 275mila euro.

Le spese notarili in tal caso ammonterebbero a 2.558,95 euro, circa lo 0,93% del prezzo dell'immobile. A questa cifra bisogna aggiungere ulteriori 3.201,50 euro di imposte e tasse per lo Stato, per un totale di 6.272,24 euro e se la compravendita passa per un'agenzia immobiliare bisognerà considerare anche le spese di agenzia, che si aggirano in media sul 3-6% del valore dell'immobile.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook sui diritti per i lavoratori per rimanere aggiornato su tutte le novità: