Sanzioni disciplinari a lavoratore per legge in vigore possibili

di Chiara Compagnucci pubblicato il

Il licenziamento è la sanzione disciplinare più estrema perché prevede l'allontanamento del lavoratore. Ma la sanzione è rapportata alla gravità del comportamento.

Sanzioni disciplinari a lavoratore per l

Sanzione disciplinare del licenziamento, quando scatta

Quando si parla di sanzioni disciplinari per lavoratori, il riferimento va subito al licenziamento.

In realtà, in base al Contratto collettivo nazionale di lavoro (docenti, pubblico impiego, avvocati, polizia penitenziaria, militari, polizia di Stato, ad esempio) esistono vari tipo di "punizioni" a carico del dipendente perché non tutti i comportamenti discutibili possono essere sanzionati allo stesso modo.

Basti pensare che da un parte c'è la cattiva condotta generale, ad esempio sotto forma di ritardi o di atteggiamenti scortesi nei confronti dei colleghi, e dall'altra le colpe più gravi come il furto o la frode che possono portare con maggiore facilità a licenziamento.

Di conseguenza le sanzioni disciplinari a carico del lavoratore possono essere di due tipi sulla base delle leggi 2019: quelle a carattere conservativo che tendono a colpire il dipendente, ma senza l'allontanamento, e quelle espulsive che culminano nel licenziamento. Spetta all'azienda sulla base del Contratto collettivo nazionale di lavoro decidere quale sanzione applicare.

Sanzione disciplinare del licenziamento, quando scatta

Il licenziamento è la sanzione disciplinare più estrema perché prevede l'allontanamento del lavoratore. Può avvenire per giusta causa, per cui non occorre il preavviso o per giustificato motivo soggettivo, che invece richiede il preavviso previsto dal Contratto collettivo nazionale di lavoro di riferimento.

La colpa grave sul posto di lavoro può giustificare il licenziamento immediato per giusta causa. Succede ad esempio nel caso di danni alla proprietà ovvero se un dipendente danneggia intenzionalmente i beni dell'azienda, oppure di furto e frode sia nei confronti della proprietà e sia di clienti o colleghi.

Allo stesso modo, la violazione di accordi di non divulgazione e di rilascio di informazioni riservate è un esempio di furto e frode. Bollino rosso nel caso di comportamento offensivo con minacce a colleghi e clienti o di uso di droghe e alcol durante i turni di lavoro e nelle aree di proprietà dell'azienda. Causa di licenziamento può essere la violazione del protocollo di sicurezza e salute.

C'è però un caso supplementare che può portare al licenziamento ed è la recidiva ovvero la ripetizione dello stesso scorretto comportamento nello spazio di due anni.

Rimprovero, ammonizione, multa, sospensione, trasferimento

Pur censurabile, la cattiva condotta sul posto di lavoro non è grave ovvero non lo è se non è un atto intenzionale a nuocere all'azienda o a un'altra persona.

Di conseguenza non è una situazione tale per cui scatta il licenziamento. Esempi di cattiva condotta includono insubordinazione, ritardo cronico, assenze o commenti inappropriati o scortesi a colleghi o clienti. In questi casi si applicano altre sanzioni disciplinari ed esattamente

  1. il rimprovero
  2. l'ammonizione scritta
  3. la multa sotto forma di trattenuta in busta paga fino a un massimo di 4 ore di retribuzione base
  4. la sospensione ovvero l'interruzione del pagamento dello stipendio fino a un massimo di 10 giorni
  5. il trasferimento per incompatibilità ambientale

In tutti questi casi, a parte il rimprovero verbale, la contestazione deve essere presentata per iscritto. Deve contenere le condotte contestate al lavoratore, deve essere pressoché immediata e non può essere modificata successivamente.

Come anticipato, spetta all'azienda sulla base del Contratto collettivo nazionale di lavoro decidere quale sanzione applicare. E a sua volta il dipendente può contestare la decisione entro 5 giorni dalla comunicazione del procedimento disciplinare.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook sui diritti per i lavoratori per rimanere aggiornato su tutte le novità:
Seguici su Facebook, clicca su "Mi Piace":