BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Elezioni amministrative 2011: risultati città e comuni ufficiali e finali

Ballottaggio Moratti-Pisapia, Fassino sindaco di Torino, il centrosinistra ce la fa anche a Bologna. I risultati delle elezioni



Milano diventa rossa: Letizia Moratti (41,57%) non ce la fa, Giuliano Pisapia (48,08%) le dà grande battaglia e si finisce al ballottaggio. “Credo sia importante dire che da Milano deve ripartire una fase nuova della politica del centrodestra in grado di riaggregare tutte le forze realmente moderate della nostra città.

Il ballottaggio è una fase completamente nuova, una nuova campagna elettorale
La campagna, fino ad ora, ha parlato complessivamente forse poco dei programmi e delle cose concrete. In questi giorni dobbiamo tornare alle cose concrete che interessano i cittadini”, ha commentato la Moratti.

E' vittoria, invece, al primo turno per la coalizione di centrosinistra. Il Pd doppia il Pdl per numero di voti (34,5% contro 18,3%), Fassino diventa sindaco con il 57% e sorprendente anche il risultato dei Moderati, che toccano quota 10%. Michele Coppola (centrodestra) si ferma al 27,30% con la Lega al 6,85%. Bersani: “Complimenti, un grande risultato”.

Ballottaggio a Napoli dove tra due settimane si sfideranno il candidato del PdL Gianni Lettieri e, a sorpresa ma non troppo, quello dell'Idv Luigi De Magistris. Solo terzo, e accreditato di una percentuale inferiore al 20%, il candidato del Pd Mario Morcone.

A Bologna ce la fa Virginio Merla (Pd). Nella città emiliana è calata, comunque, rispetto alle precedenti elezioni comunali, l'affluenza alle urne che alla fine si è attestata sul 72,8%. Un dato certo non altissimo, considerata anche la storica alta partecipazione dei bolognesi, ma che comunque è in netta controtendenza rispetto alle regionali dello scorso anno, quando al voto andò appena il 67,4% degli aventi diritto.

A Pavia il centrodestra è costretto al ballottaggio (43,9% contro il 34,1% del centrosinistra) e il Pdl passa dal 30,4% delle regionali al 22,7. La Lega ha lo stesso andamento negativo e scende dal 28,2% al 21,5%. Stesso discorso per la Provincia di Gorizia, che il centrosinistra conquista al primo turno: il Pdl scende dal 31,3% al 17,5%, ma la Lega recupera qualcosa passando dall'8,2 al 13,5.

Anche a Mantova è ballottaggio tra i due ‘sfidanti’ entrambi i partiti del centrodestra perdono: il Pdl lascia sul terreno quasi dieci punti (dal 29,2% al 19,7%) e la Lega solo due (dal 22 al 20,4). A Trieste il candidato del Centrosinistra Cosolini ottiene il 40,7 % mentre il candidato del Centrodestra Antonione il 27,6%.

Si va al ballottaggio a Cagliari dove il candidato di Centrosinistra, Massimo Zedda, ottiene il 45,1% e il candidato di Centrodestra Massimo Fantola il 44,8%. Risultato diverso a Catanzaro, dove il candidato del centrodestra Michele Traversa ha ottenuto una percentuale di oltre il 67%, contro il 23% del candidato del centro sinistra Salvatore Scalzo.

“Ero sicuro di vincere,ma non mi aspettavo questo risultato. Evidentemente i catanzaresi non hanno votato solo per la mia persona ma per quello che rappresento, il Pdl ed il presidente Berlusconi al quale chiederò naturalmente maggiore attenzione da parte del governo nei confronti di Catanzaro e come presidente del partito che Catanzaro sia considerata la bandiera del Pdl”.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il