Previsti aumento dell'iva su caffè, cappuccino, caramelle, chewing–gum, cornetti, cioccolato

La colpa è del previsto raddoppio dell’Iva, dal 10 al 20 %, deciso sui prodotti a base di zucchero e cacao.



Un decreto a 2 facce, quindi? Così pare, se è vero che da questo settembre ci dobbiamo attendere aumenti per bere il caffè e brioche al bar.

La colpa è del previsto raddoppio dell’Iva, dal 10 al 20 %, deciso sui prodotti a base di zucchero e cacao. In pratica quindi, oltre al caffè, sono previsti aumenti per il cappuccino, le caramelle, i chewing – gum, i cornetti, e, ovviamente il cioccolato.
Qualcuno ha già provato a stimare i possibili aumenti:

- il caffè dovrebbe aumentare dagli odierni 0,70 a 0,80 euro
- il cappuccino da 1,10 a 1,30
- il cornetto da 0,75 a 1 euro
- il tè da 1,30 a ,150
- le caramelle Golia da 1,90 a 2,20
- il cioccolato Milka da 1,10 a 1,40

I più golosi sappiano che non è ancora detta l’ultima parola, comunque: il Codacons ha già chiesto al Ministro dell’Economia di ritornare sui suoi passi, reintroducendo l’Iva al 10%.

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marcello Tansini Fonte: pubblicato il