BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Bollo auto 2015: regole e istruzioni, differenze e cosa cambia. Chi deve pagare, quanto e come. Esenzioni, detrazioni, deduzioni

Fra le tante scadenze di pagamenti da segnare in agenda c'è anche quella del bollo auto. Da quest'anno si paga anche sulle vetture storiche con meno di 30 anni.




C'è tempo fino a sabato 31 gennaio 2015 per il pagamento del bollo auto a carico di chi è andato in scadenza a dicembre 2014. La novità rispetto allo scorso anno è la cancellazione dell'esonero (ma non nella Regione Lombardia) per i proprietari della auto storiche che non hanno superato i 30 anni dalla data di produzione. L'importo da versare è calcolato sulla base della potenza del veicolo.

Sul web sono presenti alcune calcolatrici online, come quella dell'Agenzia delle Entrate, per conoscere la somma richiesta con pochi click inserendo i dati relativi a potenza, direttiva Euro, regione di residenza, tipo di veicolo e modo di alimentazione ovvero se la vettura è spinta da un impianto GPL o metano. Il simulatore non richiede informazioni personali. In tutti i casi è consigliabile di effettuare il calcolo in base alla targa.

Anche l'ACI metta a disposizione la sua calcolatrice. In questo caso, bisogna specificare se si tratta di un rinnovo di pagamento, di una prima immatricolazione, di un veicolo reimmatricolato, di un rientro da esenzione, di un riacquisto di possesso, di una targa prova, di una integrazione per complessi, di un pagamento integrativo o di un pagamento anticipato.

Il versamento può essere effettuato presso le delegazioni ACI, le agenzie di pratiche auto, molti istituti bancari, gli uffici postali mediante il servizio Internet Banking, presso i tabaccai convenzionati con Banca ITB, direttamente collegati al Ruolo Regionale e quelli aderenti al polo Lottomatica compilando le apposite schede per autovetture e autoveicoli a uso promiscuo soggetti al pagamento della tassa in misura piena, e per quelli che beneficiano di un particolare trattamento fiscale (come i taxi) e per tutti gli altri veicoli (come autobus, autocarri, rimorchi, ciclomotori).

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il