BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie da Renzi, Madia, Padoan, Poletti indicazioni attese quota 100, contributivo, assegno universale in weekend

Nuovi importanti appuntamenti fondamentali per indicazioni su come si potrà, o meno, agire sulle pensioni: le ultime notizie




Dopo le prime indicazioni arrivate lo scorso luglio dalla Festa dell’Unità di Roma quando il premier Renzi aveva annunciato di voler aumentare le pensioni minimi e piani di prepensionamento per tutti, ora si attendono ulteriori novità pensioni sabato 5 settembre, in occasione della 41esima edizione del Workshop Ambrosetti. L’auspicio è che il premier Renzi, dopo il silenzio sulle pensioni al meeting di Cl a Rimini, possa fare nuovi riferimenti alle pensioni. 

Parteciperanno al Workshop anche il ministro delle Riforme, Maria Elena Boschi, il ministro della P.A., Marianna Madia, e il ministro del Lavoro, che al meeting di Cl ha ribadito l’intenzione di intervenire sulle pensioni collegate al lavoro.

Si tratta di indicazioni che potrebbero essere importanti per capire come il governo ha realmente intenzione di muoversi sulla strada di percorsi di cambiamenti dell’attuale  legge pensionistica e le idee su quota 100, mini pensione, contributivo, assegno universale ma anche proroga del contributivo donna, quota 96 della scuola e caso dei lavoratori cosiddetti quindicenni. Per questi ultimi interventi si dovrà attendere mercoledì prossimo 9 settembre quando tornerà a riunirsi la Commissione Lavoro che tra conferma, o meno, della proroga del contributivo donna fino alla fine del 2015 e quindicenni, potrebbe anche rimettere in discussione il caso dei quota 96.

Indicazioni su necessità di interventi pensioni arrivano anche da Confindustria, da sempre favorevole su a modifiche. Resta, tuttavia, da capire l’entità di risorse disponibili da poter eventualmente impiegare, dopo, chiaramente, aver prima messo in atto quegli interventi prioritari già indicati dal governo da inserire nella prossima Manovra. E resta anche da definire puntualmente destinatari e coperture necessarie per l’approvazione dell’assegno universale. Indicazioni importanti su fondi e coperture potrebbero arrivare, invece, dalla revisione dei numeri del Def, che deve essere presentato entro il 20 settembre.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il