BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Redditi italiani 2008-2009: la media è di 26mila euro all'anno in base alle dichiarazioni.

Crescono del 3,1 %i redditi degli italiani ma la crisi si fa ancora sentire, soprattutto al Sud



Ventisei mila euro: l'80% dei contribuenti italiani dichiara non oltre questa cifra, il 50% non oltre 15 mila euro mentre la classe con un maggior numero di contribuenti è quella di coloro che dichiara redditi tra i 15 mila e i 20 mila euro. Meno dello 0,2% dichiara oltre 200mila euro l'anno: parlano chiaro le prime elaborazioni statistiche sulle dichiarazioni 2008 (redditi 2007) rese note dal dipartimento delle Finanze.

Rispetto alle dichiarazioni del 2007 (redditi 2006) , si può osservare che i redditi sono cresciuti mediamente del 3,1%, dunque una rivalutazione proporzionale alla crescita del Pil più l’inflazione. Questo potrebbe indicare, fra l’altro, che da un anno all’altro non c’è stata una diminuzione dell’evasione fiscale. Non tutti i redditi sono cresciuti allo stesso modo però.

Crescono, infatti, maggiormente i redditi da lavoro autonomo (+2% a 37.124 euro) rispetto a quelli percepiti dai dipendenti (+1% a 19.335 euro), mentre i redditi da pensione passano da 13.046 a 13.448 euro, con un incremento del 3% e quelli da partecipazione da 19.254 a 19.927 euro (+3,5%).

A livello regionale, la Lombardia detiene il primato del più alto reddito complessivo medio (22.460 Euro), seguono Emilia Romagna (20.450 euro) e Piemonte (20.030 euro), mentre all'estremo opposto si colloca la Calabria (13.410 Euro) e prima di lei figurano Basilicata (14.180 euro di reddito medio dichiarato) e Puglia (14.770 euro), mentre la Sicilia è quartultima e si attesta a 15.160 euro.

Confermato, dunque, l’ormai classico divario tra nord e sud: è al Nordovest che si guadagna di più (con dichiarazioni medie a 21.480 euro), mentre meno al Sud (15.060 euro).

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il