Come fare il rinnovo del reddito di cittadinanza nel 2022. Tutta la procedura

Chi e come deve rinnovare il reddito di cittadinanza quest’anno: cosa prevedono norme in vigore e requisiti richiesti

Come fare il rinnovo del reddito di citt

Come si rinnova il reddito di cittadinanza nel 2022?

La procedura per rinnovare il reddito di cittadinanza nel 2022 prevede innanzitutto la presentazione della Dichiarazione Sostitutiva Unica ai fini Isee entro il 31 gennaio 2022. Considerando, infatti, che l’erogazione del beneficio dipende dall’Isee e che quest’ultimo ha validità fino al 31 dicembre di ogni anno, per rinnovarlo bisogna innanzitutto avere un nuovo Isee e quindi presentare nuova domanda secondo la procedura prevista per la presentazione della richiesta del RdC in generale.
 

Come fare a rinnovare il reddito di cittadinanza nel 2022? Chi percepisce il reddito di cittadinanza come misura di sostegno al reddito e vuole anche per il 2022 continuare ad averlo, previo rispetto dei requisiti stabiliti dalla legge, deve presentare richiesta di rinnovo del beneficio, a partire dalla presentazione del nuovo modello Isee. Vediamo allora qual è la procedura per il rinnovo del reddito di cittadinanza quest’anno. 

  • Chi deve rinnovare reddito di cittadinanza
  • Procedura per rinnovo reddito di cittadinanza passo dopo passo

Chi deve rinnovare reddito di cittadinanza

Tutti i cittadini che percepiscono il reddito di cittadinanza per continuare ad averlo anche quest’anno 2022 devono presentare il nuovo modello Isee entro il prossimo 31 gennaio.

Chi beneficia, infatti, del reddito di cittadinanza ha diritto a percepirlo per tutto l’anno della richiesta fino al 31 dicembre di ogni anno, data in cui scade la validità dell’Isee presentato e considerando che l’erogazione del reddito di cittadinanza dipende, non solo per approvazione ma anche nel calcolo del suo importo, dall’Isee, è necessario ogni anno presentare nuovo Isee per rinnovare il reddito di cittadinanza.

Restano fermi tutti i requisiti richiesti per avere il reddito di cittadinanza che sono:

  • avere un Isee entro i 9.360 euro;
  • essere cittadini maggiorenni italiani o dell’Unione Europea, o familiari che abbiano un diritto di soggiorno, o cittadini di Paesi terzi in possesso di regolare permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo, a condizione di soddisfare i seguenti requisiti;
  • avere un valore del patrimonio immobiliare non superiore a 30.000 euro, oltra ad una eventuale casa di proprietà;
  • avere un valore del patrimonio mobiliare non superiore a 6.000 euro per il single, aumentato di 2mila euro in base al numero dei componenti della famiglia fino a 10.000 euro, e di 7.500mila euro per i nuclei familiari con componenti con disabilità;    
  • non avere autoveicoli immatricolati la prima volta nei 6 mesi antecedenti la richiesta, o autoveicoli di cilindrata superiore a 1.600 cc o motoveicoli di cilindrata superiore a 250 cc, o navi e imbarcazioni da diporto;
  • non essere sottoposti a misura cautelare personale, anche adottata a seguito di convalida dell’arresto o del fermo, o condannati in via definitiva, nei dieci anni precedenti la richiesta, per delitti.

Procedura per rinnovo reddito di cittadinanza passo dopo passo

La procedura per rinnovare il reddito di cittadinanza nel 2022 prevede innanzitutto la presentazione della Dichiarazione Sostitutiva Unica ai fini Isee entro il 31 gennaio 2022. Il Reddito di Cittadinanza viene concesso per un periodo massimo di 18 mesi, trascorsi i quali può essere rinnovato, previa sospensione di un mese, per cui se continuano a sussistere le condizioni per averne accesso, si può presentare una nuova domanda. 

La procedura di presentazione delle domande di rinnovo del reddito di cittadinanza è la stessa prevista per le nuove domande e il Sistema informativo dei Reddito di cittadinanza, nel ricevere le domande, distingue automaticamente quelle nuove da quelle di rinnovo.
 
Le informazioni contenute nella domanda del Reddito di cittadinanza vengono comunicate all’Inps entro dieci giorni lavorativi dalla richiesta e, verificato il possesso dei requisiti richiesti, riconosce nuovamente il beneficio.





Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il