Conviene un ETF armonizzato o un ETF non armonizzato nel 2021? I pro e contro secondo esperti

Per distinguere un ETF armonizzato da uno non armonizzato occorre leggere il prospetto informativo e il regolamento.

Conviene un ETF armonizzato o un ETF non

ETF armonizzato e non armonizzato, quale conviene?

L'aspetto a cui prestare attenzione è relativo alla tassazione. A seconda che l'ETF sia armonizzato o non armonizzato, cambia l'aliquota d'imposta. Sull'ETF armonizzato si applica la sola aliquota al 12,5%.

Caratteristica fondamentale di un ETF è il potenziale di diversificazione che può offrire. Con un ETF, un investitore può distribuire il proprio investimento su un intero settore, regione o mercato azionario di un paese. Questo perché quando si investe in un ETF, a seconda della strategia, si ottiene effettivamente esposizione, tramite una singola operazione, a un paniere diversificato di titoli o azioni.

Il tutto senza dimenticare la doppia opzione tra ETF armonizzati e non che incide soprattutto dal punto di vista fiscale. Gli ETF in genere mirano a replicare un indice o una classe di attività, sono gestiti in modo passivo. Ciò significa che un gestore di fondi ETF non ha bisogno di assumere un gestore di fondi rinomato per selezionare gli investimenti e può gestire il fondo a costi molto inferiori. Questi risparmi sui costi possono quindi essere trasferiti all'investitore sotto forma di risparmi. In pratica i costi degli ETF sono significativamente inferiori rispetto ai fondi gestiti attivamente. Approfondiamo quindi:

  • ETF armonizzato e non armonizzato, quale conviene

  • Pro e contro investimento ETF secondo esperti

ETF armonizzato e non armonizzato, quale conviene

Un ETF è un fondo che cerca di replicare la performance di un indice di riferimento, acquistando i titoli che compongono tale indice o attraverso la replica sintetica utilizzando derivati.

Combina le caratteristiche dei tradizionali fondi comuni aperti e dei fondi chiusi. La particolarità di un ETF è che le sue azioni possono essere create o rimborsate alla fine della giornata, ma allo stesso tempo possono essere acquistate e vendute in borsa. In altre parole, combina il commercio primario con il commercio secondario. Il primo avviene al valore patrimoniale netto del fondo, mentre il secondo a un prezzo concordato. Gli ETF armonizzati seguono le direttive europee e sono quotati sulle borse europee. Tutti gli altri sono non armonizzati.

Per distinguere un ETF armonizzato da uno non armonizzato occorre leggere il prospetto informativo e il regolamento. Tuttavia gli ETF quotati al di fuori dell'Unione Europea non sono armonizzati. La gran parte degli ETF quotati nei Paesi dell'area euro sono armonizzato. L'aspetto a cui prestare attenzione è relativo alla tassazione. A seconda che l'ETF sia armonizzato o non armonizzato, cambia l'aliquota d'imposta.

Su un ETF armonizzato, la banca applica una ritenuta a titolo d'imposta con aliquota del 12,5% sui redditi da capitale e sui redditi diversi. Sugli ETF non armonizzati, la banca applica una ritenuta a titolo di acconto del 12,5%, ma i redditi da capitale devono essere indicati in sede di dichiarazione dei redditi e sono assoggettati all'aliquota marginale sul reddito. Sui redditi diversi, l'intermediario applica un'imposta sostitutiva del 12,5%, ma senza indicazione in dichiarazione dei redditi.

Pro e contro investimento ETF secondo esperti

Uno dei principali vantaggi dell'utilizzo degli ETF è la diversificazione , che può aiutare a gestire il rischio di portafoglio. Con gli ETF è possibile puntare su mercati specifici o asset particolari.

Investire oltre il proprio mercato interno può essere un ottimo modo per ottenere la diversificazione geografica, poiché utilizzando tale strategia un investitore può ridurre l'esposizione alle fluttuazioni di una particolare area geografica o regione. Inoltre, il semplice fatto che un ETF miri a tracciare un particolare indice di azioni significa che si ottiene un portafoglio di azioni immediatamente diversificato, piuttosto che un'esposizione a un singolo titolo. Un ETF è un fondo gestito passivamente, a differenza di altri investimenti gestiti attivamente.

Un fondo a gestione attiva coinvolge un gestore di fondi che generalmente cerca attivamente di sovraperformare un determinato benchmark. La gestione attiva in genere comporta spese di gestione più elevate rispetto agli ETF indicizzati passivi.

Ma è un errore comune associare le metriche utilizzate per determinare la liquidità delle azioni con la liquidità degli ETF. Gli investitori possono erroneamente vedere bassi volumi di scambio e scambi e associare questo basso volume di scambi a una bassa liquidità dell'ETF.

Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il