Reddito di cittadinanza novitÓ oggi giovedý domande, regole nuove, come fare richiesta Poste, Sito web, Inps 7 Marzo

di Marianna Quatraro pubblicato il

NovitÓ oggi sul reddito di cittadinanza giovedý 7 Marzo: al via presentazione ufficiale domande per reddito di cittadinanza ma al momento nessun problema nÚ alle Poste nÚ sul sito web

Reddito di cittadinanza novitÓ oggi giov

Reddito cittadinanza novita domande code Poste sito

Reddito di cittadinanza domande e regole ufficiali, novità e aggiornamenti oggi giovedì 7 Marzo 2019: Nessun problema e nessuna coda registrata nel primo giorno ufficiale di richiesta del reddito di cittadinanza: Stando alle ultime notizie, non si sarebbe registrato alcun intoppo in nessuna città italiana e i numeri parlano di 35.653 domande presentate agli uffici postali sono state presentate, circa 8.492 presentate direttamente online sul sito web ufficiale del reddito di cittadinanza attraverso lo Spid e altre 3500 presentate agli sportelli della Cisl.

Secondo le ultime notizie rese note dal Ministero del Lavoro, tra le regioni italiane le prime per numero di domande per il reddito di cittadinanza sono risultate Campania, Lombardia e Sicilia rispettivamente con 5.770, 5.751, 5.328 richieste presentate. Per quanto riguarda i primi pagamenti da erogare per le richieste presentate, previa accettazione chiaramente, si parla di aprile.

L'Inps ha infatti comunicato qualche giorno fa che dalla metà del mese di aprile sarà in grado di notificare ai cittadini che hanno fatto richiesta del reddito di cittadinanza se la domanda è stata accolta o respinta e nel giro di 2-3 giorni Poste convocherà il cittadino ed entro la fine del mese saranno effettuati i pagamenti del primo mese.

Al via le presentazioni ufficiali delle domande per il reddito di cittadinanza: da ier,  infatti, giovedì 7 marzo, milioni di italiani, circa tre secondo le previsioni, potranno iniziare a presentare le domande per ricevere il nuovo beneficio stabilito dal governo e, stando alle ultime notizie, gli uffici postali si preparano letteralmente ad essere assediati anche se al momento, come riportano le ultime e ultimissime notizie, nonostante le prime code formatesi sin dal mattino presto, la situazione sembra abbastanza sotto controllo. Con questo articolo daremo aggiornamenti sulle domande.

Reddito di cittadinanza: oggi al via domande in Posta e su sito web

Non solo, secondo le ultime notizie, la situazione negli uffici postali sarebbe sotto controllo ma, come riportato da alcuni, alle 9 di questa mattina anche il sito web ufficiale per la richiesta del reddito di cittadinanza era funzionante e senza alcun problema. In ogni caso, per evitare lunghe code, sovraffollamenti e problemi, le Poste hanno deciso di accogliere le domande in ordine alfabetico in base alla lettera inziale del proprio cognome e hanno affisso comunicazioni con i turni stabiliti, invitando i cittadini a rispettare l’ordine alfabetico previsto.

La domanda per avere il reddito di cittadinanza si po’ comunque presentare sia presso gli uffici postali, sia sul sito web online del reddito di cittadinanza, www.redditodicittadinanza.gov.it, inserendo il proprio Spid, sia rivolgendosi ai Caf. Una volta inviata la domanda, l’Inps verifica i requisiti del richiedente e in caso di esito positivo contatta le Poste che, a loro volta, inviano una comunicazione al cittadino per il ritiro della card su cui verranno accreditati mese per mese i soldi previsti.

Reddito di cittadinanza 2019: accredito soldi e spese possibili

Fino a qualche giorno fa si parlava di primi accrediti a partire dal mese di maggio, ma stando alle ultime notizie, l’Inps avrebbe comunicato che gli accrediti sulle carte del reddito di cittadinanza partiranno già dal 15 aprile prossimo e per un primo momento le card potranno essere usate solo per l’acquisto di generi alimentari presso i negozi convenzionati, di farmaci con lo sconto del 5% e per il pagamento delle bollette di luce e gas, per cui sono anche previsti sconti.

In un secondo momento, secondo quanto annunciato dal Ministero del Lavoro, i soldi potranno essere usati anche per l’acquisto di abbigliamento; sarà inoltre possibile fare un solo prelievo di contante al mese da 100 euro al massimo per un singolo e 210 euro per la famiglia numerosa; d effettuare il bonifico per pagare parte dell'affitto o del mutuo, rispettivamente, di 280 euro e 150 euro al mese al massimo.

Reddito di cittadinanza: chi può farne richiesta

Possono richiedere il reddito di cittadinanza solo coloro che soddisfano i requisiti stabiliti che prevedono:

  1. essere cittadino maggiorenne italiano o dell’Unione Europea, o suo familiare che sia titolare del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente o cittadino di Paesi terzi in possesso del permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo;
  2. avere un Isee al massimo di 9.360 euro;
  3. avere un valore del patrimonio immobiliare, oltre alla prima casa di abitazione, non superiore a 30.000 euro;
  4. avere un valore del patrimonio mobiliare non superiore a 6.000 euro per il single, aumentato di 2mila euro in base al numero dei componenti della famiglia fino a 10.000 euro, e di 5mila euro nei casi di nucleo familiari con componenti con disabilità;    
  5. non avere autoveicoli immatricolati la prima volta nei 6 mesi antecedenti la richiesta, o autoveicoli di cilindrata superiore a 1.600 cc o motoveicoli di cilindrata superiore a 250 cc, o navi e imbarcazioni da diporto.

Inoltre, stando alle ultime notizie, vi sarebbero ulteriori novità ufficiali che prevedono, per godere del reddito di cittadinanza, l’obbligo di accettare un’offerta di lavoro solo se la retribuzione è superiore a 858 euro, cioè il 10% rispetto alla misura massima del beneficio; controlli più stringenti per chi si è separato o ha divorziato dopo il primo settembre 2018; esclusione dal reddito di cittadinanza di chi è stato condannato in via definitiva; e obbligo per gli immigrati di presentare una certificazione, rilasciata dalla competente autorità dello Stato estero, sui requisiti di reddito e patrimoniali e sulla composizione del nucleo familiare, da presentare tradotta in lingua italiana e legalizzata dall'autorità consolare italiana.

Problemi e code (aggiornamenti)

Al momento non si riesce ad accedere al sito web ufficiale del reddito di cittadinanza in quanto lo Spid che funziona è solo quello di Poste e Tim, mentre gli altri non vengono risocnoisuti e danno errore. I tecnici sono al lavoro per sistemare il problema. Al momento, intorno alle 10 in cui scriviamo, non ci sono grandi code nè a Milano, nè a Palermo, per prendere due città d'esempio. Anzi ci sono qualche decine di persone negli uffici delle Poste o Caf e Inps, ma molti anche per altri esigenze.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook sui diritti per i lavoratori per rimanere aggiornato su tutte le novità:
Ultime Notizie