Tfr

Che cos’è il Tfr?

Il Trattamento di Fine Rapporto, secondo la definizione Inps, è parte della previdenza obbligatoria. A tutti gli effetti, un credito che il lavoratore matura nei confronti del proprio datore di lavoro e che quest’ultimo è sempre obbligato a liquidare, quale che sia il motivo della cessazione.

Trattamento di fine rapporto come calcolare

Per conoscere il valore del Tfr bisogna dividere la retribuzione annua per 13,5 e poi sottrarre uno 0,5 per cento da destinare all’Inps, calcolata sull’imponibile contributivo. La somma alimenta un fondo dell’Inps e assicurare che i lavoratori ricevano la liquidazione anche in caso di fallimento.

Dove destinare il Tfr

Il lavoratore ha due opportunità diverse per scegliere dove destinare il proprio tfr:

  1. alla previdenza privata;
  2. lasciarlo all’azienda per poi averlo, a fine rapporto lavorativo, direttamente  in busta paga.

Molti sono allettati dalla possibilità di poter riscuotere una rilevante somma di denaro alla fine della propria carriera lavorativa. Ma questa decisione potrebbe nascondere qualche perplessità visto che si rischia addirittura di rimettersi punto di vista fiscale si rischia di rimetterci.

Ultime notizie su Tfr:

Anticipo TFr: calcolo e simulazione online

pubblicato il 17/03/2015 alle 20:56

1