BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Tfr e fondi pensione: rendimenti a confronto

Tfr batte fondi pensione: i rendimenti



Tfr batte fondi pensione: nei primi sei mesi del 2011 si è attestato allo 0,7% il rendimento medio offerto dai fondi pensione chiusi, aziendali o di categoria, mentre il Tfr arriva a sfiorare il 2%. I fondi rimangono indietro anche nel medio periodo: fra il primo gennaio 2000 e il 30 giugno scorso, infatti, i tre maggiori esistenti all’inizio del periodo considerato sono stati battuti dal 37,4% del Tfr: si va dal 34,3% di Fonchim (chimica e farmaceutica) al 34,3% di Fondenergia e al 34,2% di Cometa (metalmeccanica).

La differenza tra i due sistemi è che i contributi ai fondi pensione cominciano a maturare rendimenti sin dal momento del versamento, la rivalutazione del Tfr mantenuto in azienda riguarda solo l’importo maturato al 31 dicembre dell’anno precedente e questo meccanismo comporta una differenza di circa lo 0,2% l’anno a sfavore della liquidazione.

A favore dei fondi pensione bisogna considerare pure il contributo aziendale, pari in media all’1,2-1,5% della retribuzione lorda. Prendendo il caso di un lavoratore con una retribuzione lorda di 30mila euro che il 14 marzo 1997 si è iscritto alla linea bilanciata di Fonchim, a confronto con quello di un suo collega con lo stesso stipendio che, invece, ha mantenuto il Tfr in azienda, al 30 giugno scorso il primo aveva maturato un accantonamento di 60.349 euro, il secondo di 46.369.

Nei primi sei mesi dell’anno il risultato migliore è il 2,2% del comparto bilanciato-obbligazionario di Fondav (personale di cabina volo), seguito con il 2,1% dal bilanciato-azionario di Telemaco (telecomunicazioni).

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il