BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Evasione fiscale: ravvedimento operoso, controlli, sanzioni, multe Legge stabilità 2014-2015. Misure, novità cosa cambia.

Il governo Renzi introduce gli autocontrolli per diminuire l'evasione fiscale e permettere ai contribuenti di pagare meno in sanzioni.




Le linee guida sono due: da una parte l'Agenzia delle Entrate mette a disposizione dei contribuente i dati che lo riguardano, dall'altra vengono ridotte le sanzioni e rimodulati i tempi del ravvedimento per chi autodenuncia importi inferiori a quelli reali. Tuttavia non sarà possibile rateizzare il pagamento dovuto, ma dovrà essere versato in un'unica soluzione. In questo modo il governo punta ad abbassare il livello di evasione fiscale e di andare incontro ai contribuenti.

Le novità sono contenute nella legge di stabilità, ora al vaglio della Camera dei deputati. In particolare i contribuenti potranno consultare le informazioni contenute nell'Anagrafe tributaria ovvero quelle su spesometro, ricavi, compensi, redditi e volume d'affari.

L'importo delle sanzioni, applicabili da 2015, per chi denuncia irregolarità delle proprio dichiarazioni di redditi è pari a un 1/10 del minimo per i ritardi non superiori a 30 giorni dalla commissione della violazione; 1/9 del minimo per i ritardi fino a 90 giorni dal termine per la presentazione della dichiarazione; 1/8 del minimo per chi rimedia alla violazione entro il termine per la presentazione della dichiarazione relativa all'anno in cui la violazione è stata commessa; 1/7 del minimo per chi rimedia alla violazione entro il termine per la presentazione della dichiarazione successiva all'anno in cui la violazione è stata commessa.

Infine equivale a 1/6 del minimo per chi rimedia alla violazione oltre il termine per la presentazione della dichiarazione successiva all'anno in cui la violazione è stata commessa. La condizione per la regolarizzazione è naturalmente la mancata ricezione di atti di liquidazione e di accertamento, ma non sono compresi verbali di verifica e questionari.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il