BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Bonus 80 euro polizia, carabinieri, esercito forze dell'ordine 2016: tutte le regole ufficiali. Per chi, come funziona e quando

Il 2016 si caratterizzerà per essere l'anno dell'introduzione del bonus di 80 euro al mese per le forze dell'ordine.




Esteso per il 2016 il bonus degli 80 euro mensili anche alle forze di polizia. La misura ha un impatto per le casse dello Stato di 500 milioni di euro. Solo con un successivo decreto saranno resi noti tutti i dettagli. Ma almeno quattro aspetti sono chiari. Il primo sono i destinatari: carabinieri, polizia, vigili del fuoco, militari dell'esercito, capitanerie di port. Il secondo è l'importo: 960 euro per i prossimi 12 mesi, indipendentemente dal mese di avvio che sarà presumibilmente gennaio. Il terzo è che il bonus non ha natura retributiva ovvero non concorre alla formazione del reddito ai fini dell'Irpef, dell'imposta regionale sulle attività produttive e non è assoggettato a contribuzione previdenziale e assistenziale. L'ultimo, non meno importante, è valido solo per il 2016.

Ci sono quindi molti punti in comune con il bonus di 80 euro che dal mese di maggio dello scorso anno sta finendo nelle tasche dei titolari di reddito di lavoro dipendente e di alcuni redditi assimilati la cui imposta lorda è superiore alle detrazioni da lavoro ovvero incassano tra 8.000 e 24.000 euro e parzialmente tra 24.000 e 26.000 euro. Il credito spetta anche a chi non è fiscalmente residente in Italia purché non sia imponibile per via di convenzioni contro le doppie imposizioni o di altri accordi internazionali. Gli importi percepite dai lavoratori a titolo di cassa integrazione guadagni, indennità di mobilità e di disoccupazione sono ritenuti proventi conseguiti in sostituzione di redditi di lavoro dipendente e quindi fanno parte della categoria di quelli sostituiti. Il sostituto d'imposta riconosce la somma di 80 euro in maniera automatica sulla base dei dati a disposizione.

Per fronteggiare l'emergenza terrorismo, Palazzo Chigi ha poi messo a disposizione altri 35 milioni di euro per anticipare al prossimo anno le assunzioni programmate nel 2017 in Polizia, Carabinieri e Guardia di Finanza. Da aggiungere 50 milioni di euro per l'ammodernamento degli strumenti in dotazione alle forze dell'ordine e 150 milioni di euro per la lotta al cyber crime.

Anche se non tecnicamente legato, il premier ha deciso idealmente di unire i comparti sicurezza e cultura. Per ogni euro speso da una parte, è stato il suo slogan nel giorno della presentazione della misura, ce ne deve essere un altro dall'altra parte. E così per i giovani che compiono 18 anni nel 2016 ecco una card con 500 euro da spendere per musei, mostre, cinema e eventi culturali, ma anche concerti dal vivo e acquisto di libri.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il