Cosa sono le Obbligazioni convertibili. Spiegazione completa e facile

Sebbene le obbligazioni convertibili abbiano un maggiore potenziale di apprezzamento rispetto a qelle societarie, sono anche più vulnerabili alle perdite.

Cosa sono le Obbligazioni convertibili.

Obbligazioni convertibili, cosa sono?

Le obbligazioni convertibili sono emesse da società e possono essere convertite in azioni. Offrono in genere rendimenti più elevati rispetto alle azioni ordinarie ma rendimenti inferiori rispetto alle obbligazioni societarie normali.

Non occorre essere esperti di economia per conoscere il funzionamento di alcuni strumenti finanziari come le obbligazioni convertibili. Si tratta infatti di obbligazioni emesse da società e che - a differenza di quelle tradizionali - possono essere convertite in azioni della società emittente, ma sempre a discrezione dell'obbligazionista.

Le obbligazioni convertibili offrono in genere rendimenti più elevati rispetto alle azioni ordinarie ma inferiori rispetto alle obbligazioni societarie normali. Come le normali obbligazioni societarie, i convertibili pagano agli investitori. Ma a differenza delle obbligazioni, hanno il potenziale per aumentare di prezzo se le azioni della società vanno bene.

La ragione è semplice: poiché l'obbligazione convertibile contiene l'opzione da convertire in azioni, l'aumento del prezzo dell'azione sottostante aumenta il valore del titolo convertibile. Se il titolo va male, l'investitore non sarà in grado di convertire il titolo in azioni e avrà solo il rendimento da mostrare per il proprio investimento.

Ma a differenza delle azioni, le obbligazioni convertibili possono solo diminuire, a condizione che la società emittente rimanga solvibile, poiché hanno una data di scadenza ben precisa in cui gli investitori riceveranno il capitale. Di conseguenza le obbligazioni convertibili hanno un ribasso più limitato rispetto alle azioni ordinarie.

Sebbene le obbligazioni convertibili abbiano un maggiore potenziale di apprezzamento rispetto a qelle societarie, sono anche più vulnerabili alle perdite se l'emittente è insolvente o non riesce a effettuare i pagamenti degli interessi e del capitale in tempo. Per questo motivo, gli investitori in singole obbligazioni convertibili dovrebbero condurre ricerche approfondite sul credito. Andiamo oltre e vediamo

  • Obbligazioni convertibili, cosa sono
  • Diversificazione e obbligazioni convertibili

Obbligazioni convertibili, cosa sono

Un'obbligazione non è un investimento in una società come è un titolo azionario. Quando si acquista un'obbligazione societaria non si sta investendo nella proprietà di una società come fanno gli azionisti. Non hai diritto di voto. Semplicemente si presta denaro in cambio di interessi sul prestito.

Un'obbligazione convertibile è simile a una normale obbligazione societaria. Paga una cedola ovvero gli interessi mensili e il valore nominale alla scadenza. Tuttavia, poiché può essere cambiato in qualcos'altro come l'investimento in una società e di conseguenza il tasso di interesse offerto su un'obbligazione convertibile è spesso inferiore a un'obbligazione societaria semplice e non convertibile.

Un'obbligazione convertibile si comporta più come un'obbligazione che come un'azione fino a quando il detentore dell'obbligazione o l'emittente non scelga di convertirla in azioni.

In pratica un'obbligazione convertibile è un'obbligazione societaria che un investitore può convertire in un determinato numero di azioni di una società, conferendo al titolare dopo la conversione gli stessi diritti di qualsiasi azionista. A

l momento dell'emissione, il prezzo di conversione viene solitamente fissato e le obbligazioni stesse vengono solitamente emesse quando il prezzo corrente dell'azione sottostante è inferiore a quello del prezzo di conversione. L'importo per il quale il prezzo delle azioni è inferiore al prezzo di conversione è chiamato premio di conversione.

Diversificazione e obbligazioni convertibili

Sulla base di quanto spiegato sulle obbligazioni convertibili, gli investitori che sono disposti a fare la ricerca appropriata possono investire in singoli titoli convertibili tramite il proprio broker. Un certo numero di importanti società di fondi offrono fondi comuni di investimento che investono in convertibili.

Ampi portafogli di titoli convertibili, rappresentati da fondi ed Etf, tendono a seguire il mercato azionario abbastanza da vicino nel tempo. Si comportano più come un fondo azionario ad alto dividendo.

Questi prodotti possono fornire un elemento di diversificazione e potenziale di rialzo rispetto ai portafogli obbligazionari tradizionali, ma non sono necessariamente il modo migliore per diversificare, vera e propria bussola che indica la direzione da seguire.

Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il
Ultime Notizie