Economia circolare 2021 in Italia. Gli sviluppi, le previsioni e tendenze

L'economia circolare si basa sull'idea che non esistono rifiuti. Per ottenere questo risultato, i prodotti sono progettati per durare nel tempo.

Economia circolare 2021 in Italia. Gli s

Quali sviluppi per l'economia circolare in Italia?

Le prospettive in Italia sull'economia circolare sono cariche d'ottimismo. Il nostro Paese è al primo posto nella classifica delle prestazioni di di circolarità nel settore della produzione. In pratica è tra i Paesi con maggiore valore economico generato per unità di consumo di materia. Sul versante del lavoro, l'Italia è al secondo posto con 517.000 occupati.

Nell'economia lineare, le risorse naturali grezze vengono prese, trasformate in prodotti e vengono smaltite. Al contrario, un modello di economia circolare mira a colmare il divario tra la produzione e i cicli degli ecosistemi naturali, da cui dipendono gli esseri umani.

Significa da una parte eliminare i rifiuti: compostare i rifiuti biodegradabili o, se si tratta di rifiuti trasformati e non biodegradabili, riutilizzarli, rigenerarli e infine riciclarli. Dall'altra ridurre l'uso di sostanze chimiche e scommettere sulle energie rinnovabili. Ma quali sono le prospettive per l'Italia nel 2021? L'economia circolare si basa sull'idea che non esistono rifiuti.

Per ottenere questo risultato, i prodotti sono progettati per durare e ottimizzati per un ciclo di smontaggio e riutilizzo che ne rende più facile la manipolazione, la trasformazione o il rinnovo.

Questi cicli ristretti di prodotti differenziano il modello di economia circolare oltre allo smaltimento e al riciclaggio, dove si perdono grandi quantità di energia e manodopera incorporate. L'obiettivo finale è preservare e migliorare il capitale naturale controllando gli stock limitati e bilanciando i flussi di risorse rinnovabili.

  • Quali sviluppi per l'economia circolare in Italia
  • Economia circolare 2021, perché convince sempre più

Quali sviluppi per l'economia circolare in Italia

Secondo il Forum economico mondiale, l'economia circolare è un sistema industriale che è riparatore o rigenerativo per intenzione e design.

Sostituisce il concetto di fine vita con il ripristino, si sposta verso l'uso di energie rinnovabili, elimina l'uso di sostanze chimiche tossiche, che compromettono il riutilizzo e il ritorno alla biosfera, e mira all'eliminazione dei rifiuti attraverso la progettazione superiore dei materiali, prodotti, sistemi e modelli di business. Ebbene, le prospettive in Italia sull'economia circolare sono cariche d'ottimismo.

La ragione viene rivelata dal Rapporto nazionale sull'economia circolare in Italia elaborato dal CEN-Circular Economy Network ovvero la rete promossa dalla Fondazione per lo sviluppo sostenibile e da 14 aziende e associazioni di impresa, insieme all'Enea, l'Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico.

Qui si legge infatti che il nostro Paese è al primo posto nella classifica delle prestazioni di di circolarità nel settore della produzione. In pratica è tra i Paesi con maggiore valore economico generato per unità di consumo di materia. E ancora, come spiegato da Edo Ronchi, presidente del Circular Economy Network, sul versante del lavoro, l'Italia è al secondo posto con 517.000 occupati.

Le persone impiegate nei settori circolari sono il 2,06% del totale, valore superiore alla media dell'Unione europea che è dell'1,7%. Ma è pure vero che in Italia gli occupati nell'economia circolare tra il 2008 e il 2017 risultato diminuiti dell'1%.

Economia circolare 2021, perché convince sempre più

Dalla rivoluzione industriale, l'umanità ha seguito un modello lineare di produzione e consumo. Le materie prime sono state trasformate in merci che vengono poi vendute, utilizzate e trasformate in rifiuti molte volte inconsapevolmente scartati e gestiti.

Al contrario, l'economia circolare è un modello industriale rigenerativo per intenzione e design e mira a migliorare le prestazioni delle risorse e combattere la volatilità che il cambiamento climatico potrebbe portare alle imprese. Presenta vantaggi sia operativi che strategici e riunisce un enorme potenziale per la creazione di valore in ambito economico, aziendale, ambientale e sociale.

I principi dell'economia circolare sul sistema agricolo assicurano che importanti nutrienti vengano restituiti al suolo attraverso processi anaerobici o compostaggio, che addolcisce lo sfruttamento del suolo e degli ecosistemi naturali.In questo modo, man mano che i rifiuti vengono restituiti al suolo, oltre ad avere meno residui da trattare, il suolo diventa più sano e resiliente, consentendo un maggiore equilibrio negli ecosistemi che lo circondano.

Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il