Qual è lo stipendio medio per i dipendenti statali nel 2022? Cifre molto interessanti

Ecco quanto guadagnano i dipendenti statali in base a Ccnl, mansioni e ruoli che hanno un stipendio minimo, comunque, interessante per arrivare ad importi molto alti

Qual è lo stipendio medio per i dipenden

Qual è lo stipendio medio per i dipendenti statali?

Cambia lo stipendio dei dipendenti statali in base a Livello di inquadramento, mansione e ruolo: si parte da circa 1.400 euro per arrivare a cifre di anche 7mila euro, come nel caso dei sindaci il cui stipendio è calcolato anche in base al numero degli abitanti del comune che amministrano.

Qual è lo stipendio medio per i dipendenti statali nel 2022? Lo stipendio dei dipendenti statali è generalmente regolato dal Ccnl enti locali e statali che per ogni Livello di inquadramento prevedono un importo differente. 

Agli stipendi minimi tabellari bisogna poi aggiungere indennità, premi e altri elementi retributivi previsti in base all’ente di appartenenza e del ruolo ricoperto. Vediamo allora quali sono gli stipendi medi percepiti dai dipendenti statali.

  • Stipendio medio dipendenti statali
  • Come cambia stipendio dipendenti statali in base a Livelli Ccnl

Stipendio medio dipendenti statali nel 2022

Lo stipendio medio dei dipendenti statali si aggira sui 1.300 euro al mese. La media degli stipendi dipende dagli importi previsti dal Ccnl di riferimento, che è quello degli enti locali e statali. 

Ci sono dipendenti statali che per lunghe carriere che consentono di raggiungere alte qualifiche arrivano a guadagnare quasi 3mila euro al mese, mentre i dipendenti statali a inizio carriera guadagnano circa 1.400 euro al mese. I dipendenti statali che arrivano a raggiungere la qualifica di dirigente, in ogni settore, possono arrivare a guadagnare anche 7mila euro, pensiamo ai sindaci. 

In realtà, le variabili da considerare per calcolare gli stipendi dei dipendenti statali sono diverse, da ente di impiego, stipendio minimo tabellare previsto, indennità, premi, altri incarichi. Per esempio, gli stipendi dei sindaci non sono fissi e tutti uguali definiti per il ruolo istituzionale che ricoprono ma variano, e anche di molto, in base alla grandezza del Comune che amministrano. 

Per esempio, lo stipendio mensile dei sindaci di Roma, Milano e Napoli è di oltre 7mila euro, mentre lo stipendio mensile del sindaco di Bari è di circa 6mila euro, così come quello dei sindaci di Bologna e Venezia, mentre si scende sui 5mila per i sindaci di Trieste, Parma o Messina.

Come cambia stipendio dipendenti statali in base a Livelli Ccnl

Lo stipendio dei dipendenti statali cambia in base ai Livelli di inquadramento professionale in cui sono assunti pevisti dal contratto Enti locali ed è in particolare di:
2.594,90 euro per il Livello D7;
2.469,90 euro per il Livello D6;
2.310,31 euro per il Livello D5;
2.211,57 euro per il Livello D4; 
2.120,99 euro per il Livello D3;
1.935,00 euro per il Livello D2;
1.844,62 euro per il Livello D1;
1.961,93 euro per il Livello C6;
1.908,60 euro per il Livello C5;
1.840,51 euro per il Livello C4;
1.784,15 euro per il Livello C3;
1.735,77 euro per il Livello C2;
1.695,34 euro per il Livello C1;
1.770,69 euro per il Livello B8;
1.732,35 euro per il Livello B7;
1.668,26 euro per il Livello B6;
1.639,16 euro per il Livello B5;
1.611,94 euro per il Livello B4;
1.588,65 euro per il Livello B3;
1.527,83 euro per il Livello B2;
1.502,84 euro per il Livello B1;
1.555,16 euro per il Livello A6;
1.528,50 euro per il Livello A5;
1.497,55 euro per il Livello A4;
1.471,38 euro per il Livello A3;
1.440,86 euro per il Livello A2;
1.421,75 euro per il Livello A1.





Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il