BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pagamenti Stato-imprese fatture: piano Governo Monti, Tesoro e Banche d'Italia

Nuovo piano pagamenti Stato-imprese: cosa prevede



Sistema bancario, Banca d'Italia e Tesoro per risolvere il problema dei debiti che le imprese vantano nei confronti della Pubblica amministrazione. Una cifra che ammonta a 50 miliardi, su cui quindi il Tesoro potrebbe porre un marchio di garanzia, grazie al quale le banche potrebbero chiudere la partita.

Obiettivo del governo, comunque, non è solo pagare le imprese, ma smaltire poco a poco l'intero stock del debito, lasciando il Tesoro senza più arretrati. Il nuovo piano Monti parte dall'imprenditore che con le sue fatture, si recherà presso la sua banca, che valuterà l'ammontare del credito e soprattutto la sua esigibilità.

L'istituto valuterà poi quanto è disposto a pagare quel credito e il relativo rischio, perché è il rischio che il creditore non paghi che effettivamente acquista la banca. L'azienda di credito non pagherà, infatti, tutto l'ammontare del credito all'imprenditore, ma solo una parte, l’altra sarà l'assunzione del rischio.

La banca poi con tutti i documenti che attestano il credito, confezionerà un titolo (con una garanzia) e lo cederà alla Banca d'Italia contro finanziamenti al tasso dell'1%. Oggi del resto i ritardi della pubblica amministrazione nell'evadere i pagamenti verso i suoi fornitori hanno stremato le imprese.

Già alla fine dello scorso anno era chiaro che il 2012 sarebbe stato un anno difficile per la finanza delle imprese e l'inizio del nuovo anno ha confermato le preoccupazioni emerse. Sempre più imprese infatti stanno affrontando forti tensioni sulla liquidità aziendale in un contesto caratterizzato da un mercato del credito che registra segnali di frenata.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il