BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni lavoratori precoci e usuranti: situazione delicata e importante

Anche i lavoratori della “Quota 96” rientrano nella categoria dei lavoratori impegnati in attività usuranti.



Gli esperti ministeriali sono al lavoro anche in questi giorni per risolvere le questioni legate alle modifiche da applicare alla legge Fornero, il problema esodati e la faccenda “Quota 96”, con un occhio rivolto alle stime di vita, all’età della pensione di vecchiaia, alla penalità per la pensione anticipata, al regime sperimentale per le dipendenti, all’equità tra generazioni e ai diritti acquisiti.

Ma le modifiche alla legge Fornero, come sappiamo, passano anche dalla Quota 96 all’interno del decreto sulla scuola, che come annunciato dall’onorevole De Michelis a “Omnibus” di La7, sarà discussa proprio durante il consiglio dei ministri del 23.
De Michelis ha infatti affermato che “andare in pensione anche in ottobre non precluderebbe la continuità dell'anno scolastico, come dimostra la consuetudine di nominare molti insegnanti dopo l'inizio delle lezioni”.

Sulla questione si è pronunciato anche il ministro dell’Istruzione Maria Chiara Carrozza, che non ha negato la possibilità che nel decreto scuola in preparazione possano rientrare anche i pensionandi della “Quota 96” del comparto scuola, anche se per avere certezze a riguardo bisognerà aspettare fino a settembre, quando i ministri e il governo avranno preso visione delle relazioni dei tecnici ministeriali approntate fino ad oggi e avranno consultato anche le parti sociali.

Nella legge della Quota 96, va ricordato, i lavoratori vengono definiti lavoratori impegnati in attività usuranti. L’idea di base che sarà discussa durante il prossimo Consiglio dei ministri è quella di reperire fondi per le casse dello Stato e utili da reinvestire per dar vita a un sistema più meritocratico anche appunto nel comparto scuola, dove dopo il blocco degli scatti di anzianità si sta per riaprire una nuova fase di concertazione per il rinnovo del contratto collettivo.

Autore: Marianna Quatraro

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il