BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Mutui agevolati da Gennaio 2014 fino a 250mila euro: chi può fare domanda, richiesta. Le condizioni

Nuova convenzione Abi-Cdp per mutui e prestiti agevolati: platea interessata e come fare



Giovani coppie, famiglie con disabili e famiglie numerose: sono principalmente queste le categorie di persone che potranno avere accesso ai mutui e prestiti agevolati che saranno erogati grazie allo stanziamento dei 2 miliardi della Cassa depositi e prestiti che consentiranno di richiedere mutui agevolati per l'acquisto o la ristrutturazione di case.

A rendere operativo questo nuovo fondo miliardario è stata la convenzione firmata tra Abi e Cdp. Grazie a questa convenzione, le banche potranno concedere anche il 100% del prezzo di acquisto, con un tetto massimo di 250mila euro per l'acquisto di una casa e 100mila euro per le ristrutturazioni.

La convenzione prevede che le banche possano offrire prodotti sia tasso fisso che a tasso variabile. Questa possibilità di erogazione mutui agevolati sarà in vigore dal prossimo 7 gennaio 2014, ma le richieste per le banche si apriranno il prossimo 10 dicembre e, sin da subito, le famiglie potranno fare richiesta alle banche, scegliendo tra i prodotti che l'istituto di credito proporrà.

Una nota spiega che lo strumento ‘Plafond Casa è veicolato dalle banche ed è finalizzato alla erogazione di mutui alle persone fisiche per l'acquisto di immobili ad uso abitativo e per interventi di ristrutturazione con accrescimento dell'efficienza energetica.

In particolare, a beneficiare della nuova iniziativa saranno, in via prioritaria, le giovani coppie, le famiglie di cui fa parte un soggetto disabile e le famiglie numerose’.

Inoltre, Cassa depositi e prestiti ha attivato il programma di acquisto, per 3 miliardi, di obbligazioni bancarie garantite aventi ad oggetto mutui residenziali e di altri titoli emessi a fronte di mutui della stessa specie. In totale, quindi, Cdp tramite le banche metterà a disposizione 5 miliardi di euro per favorire la ripresa del settore immobiliare residenziale.

Autore:

Marcello Tansini

. L'offerta di mutui sia a tasso fisso che variabile a Aprile 2016 si fa molto interessante. Grazie alla discesa mese su mese dei prezzi degli immobili nelle grandi città, ma soprattutto nei piccoli centri, e grazie ai tassi praticamente prossimi allo zero oggi accendere un mutuo è estremamente conveniente. In questa analisi abbiamo analizzato le migliori offerte proposte dai principali istituti.

Fisso o variabile? Questo è l'eterno dilemma... In breve in questa particolare fase storica chi ha la possibilità di aprire un mutuo da estinguere in 10 anni quasi sicuramente la scelta del tasso variabile può essere quella più azzeccata, infatti attualmente i tassi sono molto bassi e le prospettive per i prossimi anni non fanno intravedere una loro risalita e poi grazie alla portabilità è sempre possibile, qualora i tassi aumentino, ricontrattare il mutuo con la stessa banca o con un altro istituto al fine di ottenere una proposto di nuovo vantaggiosa.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il