BusinessOnline - Il portale per i decision maker








La pressione fiscale è quasi del 50% per aziende e professionisti

La pressione fiscale è quasi del 50% per aziende e professionisti



La pressione fiscale in Italia è quasi al 50%. Lo rileva l'Ufficio della Cgia di Mestre che ha spiegato di essere arrivato a questo risultato stornando dal Pil nazionale la quota relativa al sommerso economico.

Tutto questo partendo dalla considerazione che chi evade, anche se crea Pil, non paga tasse e contributi. Quindi la pressione fiscale ufficiale che pesa sui contribuenti italiani è, secondo la CGIA, sottostimata di quasi 10 punti. "L'altra metà del Pil" sottolinea la Cgia spiegando poi che è "proprio così perché del Pil italiano, ben il 50 % viene 'eroso' da tasse e contributi. Un dato, quello rilevato dagli esperti della CGIA di Mestre, che - ribadisce - supera di quasi 10 punti percentuali quello ufficiale che annualmente viene presentato dall'Istat. Sia chiaro - aggiunge -, non è che l' Istat sbaglia i conti.

"Una ulteriore dimostrazione - dichiara Giuseppe Bortolussi segretario della CGIA di Mestre - che, chi in Italia è conosciuto dal fisco, subisce un prelievo fiscale ben superiore al dato statistico ufficiale. Per questo è assolutamente improrogabile una seria lotta conto il lavoro nero e l'abusivismo. Aumentando la platea dei contribuenti potremo così ridurre imposte e contributi a chi oggi ne paga più del dovuto".

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il