Pensione: in Italia si va prima rispetto alla media europea

L'età pensionabile nella Penisola è tra le più basse d'Europa



L'Unione europea punta ancora una volta il dito contro l'Italia sul tema delle pensioni, dopo che la Commissione nelle scorse settimane aveva rivolto all'Italia un chiaro richiamo: l'età pensionabile nella Penisola è tra le più basse d'Europa. Lo riporta oggi in evidenza il Sole24ore. L'ultimo studio di Eurostat, scrive il quotidiano economico, conferma che, nonostante le riforme fatte dall'inizio degli anni '90, in Italia l'età effettiva di pensionamento resta la più bassa di tutta l'Ue: poco più di 58 anni per gli uomini e circa 57 anni per le donne. Solo il Belgio presenta dei numeri di poco inferiori.
 
 Il recente accordo raggiunto tra il Governo Prodi e i sindacati per riformare ulteriormente il sistema previdenziale non cambierebbe di molto la situazione. Infatti, non solo l'età per la pensione di vecchiaia rimane invariata (65 anni per gli uomini e 60 per le donne), ma il cosiddetto "scalone" della riforma Maroni viene ammorbidito, rendendo più graduale il cammino verso l'innalzamento dell'età pensionabile.
 
 Lo studio di Eurostat sottolinea come l'età ufficiale per la pensione sia simile in quasi tutti i Paesi europei, variando tra tra i 62 e i 65 anni per gli uomini e tra i 60 e i 65 anni per le donne. Ma l'età in cui effettivamente ci si ritira dal mercato del lavoro varia da Paese a Paese, e in molti di essi «è ben al di sotto» dell'età ufficiale. È questo il caso dell'Italia - evidenzia l'istituto europeo di statistica - dove «l'età media della pensione per le donne è solo di 57,2 anni, 3 anni più bassa dei 60 anni ufficiali»; e dove «anche gli uomini si ritirano dal lavoro ad un'età relativamente giovane, che si attesta sui 58,4 anni, circa 7 anni prima dei 65 anni ufficiali».
 Questi dati, scrive il Sole24ore, pongono l'Italia in fondo alla classifica di Eurostat, ben distante da altri Paesi, come la Germania, dove l'età effettiva di pensionamento è in media di 59,9 anni per le donne e di 61,6 anni per gli uomini, la Spagna (59,5 e 62,6 anni), in Olanda di (59,3 e 60,5 anni), in Svezia (63,3 e 63,9 anni).
 
 Gli esperti dell'istituto di statistica sottolineano come dal 1998 l'età media effettiva di pensionamento sia gradualmente aumentata in quasi tutti i Paesi dell'Unione Europa. Ma non in Italia, dove anzi «si è registrata una caduta», anche se dall'attuazione della riforma Maroni l'Ue si attendeva un'inversione di tendenza, che ora dovrà essere confermata dalla riforma Prodi.
 
 Lo studio di Eurostat mette in evidenza come siano ancora troppo pochi in Europa i lavoratori che scelgono la via del part-time o dell'orario ridotto in alternativa al pensionamento anticipato. Anche in questo caso l'Italia è agli ultimi posti. Nel nostro Paese, inoltre, quasi tutte le persone che vanno prima in pensione non rientrano più nel mercato del lavoro - anche se ancora relativamente giovani e in buona salute - sia per scelta personale sia per difficoltà nel trovare una nuova attività. Fermo restando che non sono pochi quelli che scelgono la strada del lavoro sommerso, soprattutto nel Mezzogiorno.

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marcello Tansini Fonte: pubblicato il