Cedolino pensione di Settembre pubblicato, i chiarimenti su aumenti o riduzioni importi

di Marianna Quatraro pubblicato il
Cedolino pensione di Settembre pubblicat

cedolino pensione settembre chiarimenti aumenti riduzioni importi

Chiarimenti su dubbi e incertezze importi, aumenti e riduzioni delle pensioni di settembre: cosa c’è da sapere e novità

Per la maggior parte dei pensionati è stato pubblicato il cedolino pensione di settembre, documento che permette ogni mese ai pensionati di conoscere l’importo della propria pensione, trattenute ed eventuali variazioni di importo e che comprende voci inerenti importo lordo e netto della pensione, addizionali locali e non solo. Cerchiamo di seguito di fornire chiarimenti su aumenti o riduzioni degli importi di pensione nel cedolino pensione di settembre

  • Cedolino pensione settembre tra aumenti mancati e dubbi
  • Perchè non ho bonus 200 euro in cedolino pensione settembre

Cedolino pensione settembre tra aumenti mancati e dubbi

Il primo chiarimento necessario da dare relativo al cedolino di settembre della pensione e a quanti attendevano importi aumentati per effetto delle ultime novità decise con il Decreto Aiuti bis è quello relativo ai tempi di attuazione della misura approvata, e quindi dei relativi aumenti previsti.

Secondo, infatti, quanto stabilito, gli aumenti delle pensioni per effetto della rivalutazione anticipata delle pensioni al 2%, che porterà solo qualche decina di euro in più al mese ai pensionati, scatteranno solo da ottobre, e fino a dicembre, per cui si potranno vedere nel prossimo cedolino della pensione di ottobre e questo è il motivo per cui nel cedolino di settembre pubblicato non c’è alcun aumento delle pensioni.

E con il cedolino di ottobre si potrebbero avere ulteriori aumenti, sempre per effetto della rivalutazione anticipata al 2% se la misura diventasse retroattiva anche per le pensioni come per gli stipendi, prevedendo, dunque, gli aumenti per la rivalutazione sia del mese di ottobre e sia del mese di settembre, ma, ripetiamo, si tratta di aumenti eventuali visibili nel cedolino pensione di ottobre delle pensioni e non di settembre.

Gli unici aumenti che si possono vedere nel cedolino pensione di settembre sono quelli dovuti a eventuali rimborsi spettanti da dichiarazione dei redditi. Il calendario dei rimborsi da effettuare in base a crediti derivanti da dichiarazione dei redditi con 730 segue, infatti, le seguenti date:

  • il 19 agosto per chi ha presentato la dichiarazione dei redditi a giugno;
  • il 23 settembre per le dichiarazioni presentate dal 21 giugno al 15 luglio,
  • il 15 ottobre per le dichiarazioni presentate dal 16 luglio al 31 agosto,
  • il 30 novembre per le dichiarazioni presentate dal 1 al 30 settembre.

Dunque, le pensioni di settembre saranno più alte certamente per chi ha diritto a ricevere rimborsi 730 e in misura variabile per ognuno, ma non per altro. E se in alcuni casi dovessero invece risultare riduzioni di importi, pur se lievi, sono dovuti a variazioni del pagamento delle imposte o eventuali conguagli. 

Solo ad ottobre si riceverà il cedolino, e l’importo di pensione, sia con nuovi aumenti per la rivalutazione anticipata al 2% sia con eventuali arretrati e a cui aggiungere comunque sempre i dovuti rimborsi se spettanti.

Perchè non ho bonus 200 euro in cedolino pensione settembre

E’ possibile poi che alcuni pensionati si chiedano perché nel cedolino della pensione di settembre non ci siano i 200 euro di bonus una tantum e la risposta è presto data: i pensionati che avevano diritto a ricevere il bonus di 200 euro una tantum di luglio, con redditi entro i 35mila euro annui, hanno ricevuto il pagamento a luglio o al massimo ad agosto.

Da settembre in poi non è previsto più per legge alcun pagamento dei 200 euro di bonus nonostante molti abbiano sentito la notizia dell’estensione del bonus. Si tratta, infatti, di una estensione che non interessa i pensionati ma solo ed esclusivamente alcune categorie di lavoratori, come precari della scuola, collaboratori sportivi, ecc. Dunque, i 200 euro di bonus non saranno mai più visibili nei cedolini delle pensioni.