BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Imu ici manovra Monti: no modifiche e novità in Milleproroghe

Nessuna modifica al ritorno dell’ici: quanto si pagherà



E’ una delle misure contenute nella nuova Manovra ‘Salava Italia’ che più spaventa i cittadini italiani: è la nuova Ici, che si chiamerà Imu e che rappresenterà una vera e propria stangata per i proprietari di seconde e terze case, per cui si pagherà fino al 75% in più.

Nel decreto Milleprororghe in discussione domani, mercoledì 28 dicembre, non ci sarà alcuna modifica alle misure fissate in materia di Ici-imu. L’Imu sostituirà la vecchia Ici: l’aliquota di base sarà dello 0,76% sulla rendita catastale, con una riduzione allo 0,4% per l’abitazione principale o affittata, ma i Comuni potranno aumentarla fino allo 0,2% in caso di abitazione principale o dello 0,3%.

Prevista anche la rivalutazione del 60% degli estimi catastali. Per quanto riguarda le rendite catastali, se fino ad ora venivano moltiplicate rispettivamente per 100 (abitazioni), 34 (negozi) e 50 (immobili produttivi) e il risultato rappresentava la base imponibile dell'Ici, sulla quale venivano applicate le aliquote Ici, ora, con l'aumento del 60% dei moltiplicatori e l'aliquota del 7,6 per mille, l’ici per gli immobili che non siano abitazione principale aumenteranno del 75%, una stangata da centinaia di euro per un negozio e di migliaia per un capannone, che si affiancherà a quella sull'abitazione principale, che per decine di milioni di famiglie significherà una spesa da 100 a 400 euro in media. Aumenta, inoltre, l’addizionale regionale Irpef, ritoccata dello 0,33%.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il