BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Esodati: nei prossimi giorni le prime liste ufficiale promesse da Ministro Fornero

Esodati: chi può uscire con vecchie regole e iniziative Regione Liguria



Mentre sono ancora molto incerti i numeri sulle cifre esatte degli esodati, di quei lavoratori che, a seguito dell’entrata in vigore delle norme previdenziali fissate dalla nuova riforma Fornero, rischiano di rimanere senza pensione e senza lavoro, e si continuano a  promettere soluzioni, questa volta a farlo sono i prossimi candidati alle elezioni, soprattutto Bersani e Berlusconi, che promettono di sciogliere finalmente il loro nodo, nei prossimi giorni dovrebbero, finalmente, arrivare le prime liste con i nomi di coloro che possono andare in pensione con le vecchie.

Fino all'inizio di aprile, comunque, potranno lasciare il lavoro solo pochissime persone, in gran parte lavoratori autonomi che usufruiscono ancora delle vecchie regole (18 mesi di attesa per la finestra mobile una volta raggiunti i requisiti nel 2011) perché per gli altri scattano le norme Fornero insieme a quelle sull'aspettativa di vita che aggiungono tre mesi di attesa a tutti.

Intanto, secondo la Cgil, sarebbero ancora 200 mila le persone senza tutele, tra lavoratori che hanno sottoscritto accordi di mobilità validi dopo il 4 dicembre 2011, quelli che hanno firmato fuori dalle sedi di carattere governativo, e chi, entro il 6 dicembre 2011, non aveva ancora effettuato un solo versamento volontario.

Rientrano in questa platea anche molte donne che, in base alla riforma del ’92, potevano andare in pensione a 60 con soli 15 anni di contributi. Nel frattempo, in Liguria è nata una nuova iniziativa per gli esodati: la Regione Liguria ha istituito un indirizzo e mail e un numero verde dedicati, pensati per raccogliere tutte le segnalazioni relative al problema degli esodati in Liguria.

L’indirizzo mail è esodati@regione.liguria.it. Chi non usa internet, potrà telefonare al numero verde di Regione Liguria, 800 445 445, e lasciare agli addetti i propri dati e il proprio recapito. Il call center è attivo dal lunedì al venerdì, dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 16.

E sempre la Regione Liguria sta preparando un piano di sostegno per gli esodati che sono finiti fuori dalle aziende e non hanno più nessun ammortizzatore sociale. La giunta del presidente Claudio Burlando è, infatti, a lavoro su una proposta di legge che consenta di utilizzare per questi lavoratori i fondi della mobilità in deroga.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il