Previsioni obbligazioni di Stato e aziende tra la fine 2021 e inizio 2022 per esperti

Per gli esperti è possibile che le prospettive più rosee dell'Eurozona compensino il rallentamento degli acquisti di obbligazioni da parte della Bce.

Previsioni obbligazioni di Stato e azien

Mercato obbligazionario 2022, quali sono le previsioni degli esperti?

Secondo gli esperti, l'attuale inflazione con previsioni al rialzo e le banche centrali accomodanti dovrebbero limitare l'aumento dei rendimenti obbligazionari durante la ripresa.

Con le ultime settimane dell'anno che scivolano progressivamente verso la fine, gli occhi di analisti e investitori iniziano già a concentrarsi sul 2022, che dovrebbe essere il primo anno completo della tanto attesa nuova normalità. Cresce la speranza di analisti e investitori in questo esercizio e lo dimostrano i dati delle previsioni di profitto sul mercato obbligazionario che sono sicuramente più positive rispetto al recente passato. Approfondiamo in questo articolo:

  • Mercato obbligazionario 2022, quali sono le previsioni degli esperti

  • Trend 2022 del mercato secondo gli analisti dei mercati

Mercato obbligazionario 2022, quali sono le previsioni degli esperti

Le obbligazioni sono titoli utilizzati da società o governi per prendere in prestito denaro sui mercati finanziari. Acquistando obbligazioni, in cambio di quel prestito si ricevono degli interessi e alla scadenza prevista, l'emittente rimborsa l'importo preso in prestito. Durante la loro vita, le obbligazioni sono quotate in borsa che consente di rivenderle prima della loro scadenza o di acquistarne altre durante la loro vita.

Quasi tutte le obbligazioni prevedono di pagare i propri interessi ogni anno. Al contrario, alcuni capitalizzano questo interesse ed eventualmente rimborsano il valore del capitale iniziale e tutti gli interessi. I primi sono rivolti più a persone che cercano un reddito aggiuntivo; il secondo target coloro che desiderano accumulare capitale nel tempo. Le obbligazioni sono considerate a reddito fisso perché l'investitore conosce l'importo esatto che riceverà indietro se detiene il titolo fino alla scadenza.

L'attuale inflazione con previsioni al rialzo e le banche centrali accomodanti dovrebbero limitare l'aumento dei rendimenti obbligazionari durante la ripresa. C'è che prevede che solo a lungo termine i rendimenti delle obbligazioni potrebbero aumentare, anche se con curve dei rendimenti più ripide limitate dalla continua bassa inflazione e le banche centrali che restano in attesa.

Per gli esperti di Unicredit è possibile che le prospettive più rosee dell'Eurozona compensino il rallentamento degli acquisti di obbligazioni da parte della Banca centrale europea nel quarto trimestre di quest'anno, sostenendo i mercati delle obbligazioni societarie in euro. A loro dire l'impatto negativo di un supporto tecnico inferiore sul credito societario europeo è più che compensato dall'impatto positivo del solido contesto di crescita economica.

Trend 2022 del mercato secondo gli analisti dei mercati

Le azioni generano rendimenti più elevati rispetto alle obbligazioni. Lo attestano i rendimenti storici calcolati su periodi di 10 anni o più in generale. Tuttavia, le obbligazioni sono adatte per gli investitori che non accettano la volatilità a breve termine del mercato azionario. Sicuramente interessanti sono le previsioni degli analisti finanziari JPMorgan che individuano 4 trend fondamentali. In prima battuta considerano il settore del credito il loro settore preferito. Le principali scelte sono titoli high yield statunitensi ed euro, prestiti con leva finanziaria e titoli bancari aggiuntivi tier 1.

Anche il credito cartolarizzato non garantito da agenzie è considerato dagli esperti un'opzione allettante. Dopodiché, aggiungono, sebbene le interruzioni dell'offerta stiano spingendo l'inflazione più in alto del previsto, la previsione è di una diminuzione.

Pressioni inflazionistiche più persistenti si stanno accumulando in alcune economie; prove aneddotiche provenienti dalle aziende suggeriscono che le pressioni sui costi sono state trasferite al consumatore, proteggendo i margini aziendali. Gli esperti di JPMorgan aggiungono che la traiettoria dell'inflazione nei prossimi due anni, e di quanto i tassi dovranno aumentare, potrebbe determinare quanto sarà dirompente questo ciclo di inasprimento.

Infine, rilevano che la crescita superiore al trend è ancora lo scenario di base, ma hanno ridotto la probabilità all'80%, data la normalizzazione della banca centrale, la scadenza dei sussidi di disoccupazione e la persistenza del Covid-19. Aumentata la probabilità di crescita inferiore al 10% dallo 0% perché il picco di crescita è passato e i rischi di ribasso sono aumentati. Le probabilità di recessione e di crisi rimangono al 5% ciascuna.

Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il