Pensioni ultime notizie su mini pensioni, quota 100, quota 41 riunione svolta domani e affermazioni da Cassano, Gnecchi, Brambilla

Le posizioni di Cassano, Gnecchi, Brambilla su preferenze tra novitÓ per le pensioni di quota 100 o di revisione delle probabilitÓ di vita

Pensioni ultime notizie su mini pensioni

pensioni novitÓ ultime affermazioni maria luisa gnecchi

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 10:13): E sulle aperture fatte finora nelle affermazioni per soprattutto la revisione delle probabilità di vita per le novità per le pensioni, ma non solo, come quelle espresse dai protagonisti nelle affermazione viste sotto nelle ultime notizie e ultimissime, avranno già tra 24 ore un risvolto importante con la riunione attesa tra esecutivo e forze sociali per il momento successivo per le novità per le pensioni più rilevanti e profonde che potenzialmente potrebbero mutare l'intero sistema. 

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 08:54): Vi sono state delle aperture importanti per quanto riguarda novità per pensioni per tutti che muterebbe davvero la rigidità del sistema come la revisione delle probabilità di vita dallo stesso vice ministro Cassano e o dal Comitato per le novità per le pensioni della Ghecchi che insieme ad altri nelle ultime notizie e ultimissime, ha aggiunto anche il ritorno di quota 100 come scritto sotto.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 18:30): Vi è una sorta di divisione tra chi preferisce quota 100 o una revisione delle probabilità di vita, soprattutto su cosa è attuabile subito come novità per le pensioni. Vi sono alcuni illustri esperti nelle ultime notizie e ulimissime che pongono l'accento su quota 100 come novità per le pensioni immediatamente fattibile perchè consentirebbe ulteriori risparmi, ma nello stesso sarebbe funzionale e utilizzabile da tutti e non cambierebbe l'assetto attuale, ma sarebbe una valida alternativa.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 22:15): L'esigenza di una revisione delle probabilità di vita o di ulteriori sistemi da intraprendere per le novità per le pensioni viene sostenuta ormai da quasi tutti sia esponenti che esperti nelle ultime notizie e ultimissime in cui però c'è un dibattito da dove sia meglio iniziare o cosa si possa fare da subito con buoni risultati.

C’è ancora grande incertezza sulle ulteriori novità per le pensioni che saranno discusse nel momento successivo di analisi, pronto a partire tra qualche settimana, e che potrebbero rientrare nel nuovo iter economico, anche se non nella prima stesura che, come confermano le ultime notizie, sarà presentata tra dieci giorni circa, per cui i tempi di definizione di eventuali ulteriori novità per le pensioni sono piuttosto stretti. Ma nelle prossime stesure, che certamente cambieranno, vi potrebbero rientrare. Ci si chiede, però, di quali novità per le pensioni si tratterà. Le ultime notizie si stanno concentrando su novità per le pensioni di revisione delle probabilità di vita e novità per le pensioni di quota 100, la prima da tempo annunciata per le future discussioni, la seconda cui sembrano avere aperto nuovamente i tecnici con una nuova analisi di fattibilità. Tuttavia, alla luce delle ultime e ultimissime notizie, sembrerebbe che la novità per le pensioni di quota 100 sarebbe più fattibile e conveniente delle novità per le probabilità di vita, seppur richieste da lungo tempo. Il motivo? Diversi.

Il primo motivo è soprattutto economico: per le modifiche delle probabilità di vita servirebbero tra i 10 e i 15 miliardi, per la quota 100 circa 7 miliardi di euro, quindi meno, mentre il secondo motivo è prettamente di vantaggi e benefici che sarebbero decisamente appannaggio della quota 100, capace di garantire rilancio dell’occupazione giovanile, e quindi dell’efficienza, rilancio dei consumi, e vantaggi anche in termini di risparmi, nel lungo periodo, derivanti dagli oneri a carico dei lavoratori che decidessero di andare in pensione prima.
 

Le ultime posizioni di Cassano e conseguenze per novità per le pensioni

Tra coloro che secondo le ultime notizie avrebbe aperto alla revisione delle probabilità di vita, soprattutto in riferimento alla tipologia di attività che si svolge, per dare pieno sostegno soprattutto a coloro che sono impiegati in occupazioni faticose, il sottosegretario all’Occupazione, Massimo Cassano. Cassano ha specificato come lo stesso Dicastero dell’Occupazione, d’accordo con l’ente di gestione delle pensioni, sia intenzionato ad avviare una nuova analisi della differenza di mortalità e diverse probabilità di vita proprio in relazione all'attività lavorativa svolta. Stando alle ultime notizie, sarà creato un apposito tavolo tecnico con il compito di individuare e monitorare le attività faticose in modo da elaborare stime tecniche necessarie per la diversificazione delle probabilità di vita.

Le recenti affermazioni della Gnecchi e conseguenze per novità per le pensioni

Una revisione del sistema di probabilità di vita agganciate all’aumento dell’età pensionabile è particolarmente richiesta anche da Maria Luisa Gnecchi, membro del Comitato ristretto per le pensioni, che ha presentato un’interrogazione parlamentare proprio la richiesta di una diversificazione delle probabilità di vita in relazione alla tipologia di occupazione in cui si è impiegati.

Le ultime affermazioni di Brambilla e impatto su novità per le pensioni

L’esperto di pensioni Brambilla, da sempre chiaramente a favore dell’approvazione di importanti novità per le pensioni, perché l’attuale sistema blocca l’accesso dei più giovani al mondo occupazionale, sembrerebbe più favorevole all’introduzione di novità per le pensioni di quota 100 piuttosto che ad una revisione delle probabilità di vita, che, come sappiamo, in base, appunto all’aumento delle speranze di vita, portano un aumento dell’età pensionabile, logica su cui si basa l’attuale sistema che, in base all’aumentare delle probabilità di vita ha previsto scatti di età pensionabile di tre, quattro mesi, ogni due anni. La quota 100, invece, avrebbe la possibilità di rilanciare occupazione, costerebbe meno, e permetterebbe anche di accumulare risparmi.   

Questa novità per le pensioni, secondo quanto messo a punto dal presidente del Comitato ristretto per le pensioni, permetterebbe al lavoratore di decidere quando andare in pensione a condizione che la somma tra età anagrafica ed età contributiva dia 100, e cioè scegliere se andare in pensione a 60 di età e 40 di contributi, a 59 anni di età e 41 di contributi, a 58 anni e 41 di contributi; secondo quanto proposto, invece, da un altro modello di quota 100, con lo stesso obiettivo di raggiungimento di 100 tra somma di età anagrafica e contributiva, la base di partenza sarebbe 58 anni di età o 35 anni di contributi.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook sulle pensioni per rimanere aggiornato su tutte le novità: