BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni esodati e mobilità: Report su Rai Tre. Domande, risposte e cosa fare

Esodati, casse private e pensioni: l’inchiesta di Report



Pensionati, esodati e nuova riforma delle pensioni: ieri sera la trasmissione di Rai Tre, ‘Report’ di Milena Gabanelli, è tornata affrontando il tema della riforma delle pensioni, approvata all'interno del primo pacchetto di misure del governo Monti, il decreto Salva Italia, parlando soprattutto di quei 70 mila esodati e mobilitati che hanno firmato con le loro aziende l’uscita dal lavoro per andare in pensione.

La trasmissione di ieri ha cercato di rispondere ad alcune domande che vengono poste più frequentemente come cosa succede a coloro che nel corso della vita lavorativa hanno versato i contributi ad enti diversi ed ora devono ricongiungerli o per quali categorie sono retroattive le regole.

Nel corso della trasmissione la Gabanelli sottolinea che secondo il Fondo monetario internazionale con questa riforma tra tutti i Paesi industrializzati il nostro spenderà di meno in pensioni, nonostante l'Italia sia il Paese più vecchio, perché secondo il ministro del Lavoro, Elsa Fornero, in sostanza il forte risparmio sulle pensioni è ciò che permetterà allo Stato di continuare a pagarle anche in futuro mentre assicura che troverà una soluzione per gli esodati.

Altri problemi riguardano la ricongiunzione e i cosiddetti contributi silenti, che vengono incamerati dall'Inps per compensare il deficit di altre gestioni, nonché la situazione pesante delle casse private di previdenza, che devono dimostrare di essere in grado di pagare le pensioni dei loro iscritti.

Dall’inchiesta realizzata da Bernardo Iovene per Report è alla fine emerso che cassintegrati, mobilitati e esodati si ritroveranno per un periodo senza stipendio e senza pensione, forse prenderanno un sussidio di disoccupazione, ma a oggi non si sa.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il