Che cosa può fare una moglie su conto corrente del marito? E cosa può sapere? Tutti i casi 2021 previsti

Spesso i coniugi aprono un conto corrente cointestato sul quale ciascuno può effettuare qualsiasi operazione tra prelievi, assegni, bonifici e versamenti.

Che cosa può fare una moglie su conto co

Conto corrente del marito, cosa può fare la moglie?

Anche nel caso di comunione di beni dopo il matrimonio, uno dei due coniugi può aprire un conto personale e rimanere la sola persona che può prelevare i soldi depositati.

Il denaro è spesso un argomento delicato, anche all'interno di una coppia sposata, anche nel caso di apertura di un conto cointestato. Questo tipo di conto, sul quale ciascuno dei cointestatari è libero di fare ciò che vuole, non è riservato alle coppie sposate.

Le coppie conviventi, le unioni civili o anche persone non imparentate possono aprirne uno. Approfondiamo in questo articolo alcuni aspetti:

  • Conto corrente del marito, cosa può fare la moglie

  • Casi 2021 da sapere su gestione conto corrente

Conto corrente del marito, cosa può fare la moglie

Marito e moglie possono anche avere uno o più conti bancari aperti a proprio nome. In tal caso, uno dei coniugi, a meno che non sia munito di autorizzazione, non può disporre dei fondi depositati sul conto corrente del coniuge, anche se questi soldi sarebbero un bene comune.

In buona sostanza, anche nel caso di comunione di beni dopo il matrimonio, uno dei due coniugi può aprire un conto personale e rimanere la sola persona che può prelevare i soldi depositati. Spetta quindi al titolare (sia esso il marito, come nel nostro esempio, oppure la moglie) autorizzare l'altro coniuge a operare volta per volta o con una delega generale. Diverso è il caso di apertura di un conto cointestato tra marito e moglie in cui i titolari sono due e hanno lo stesso potere di gestione del denaro depositato.

Un conto cointestato è un conto bancario detenuto insieme al proprio coniuge. Permette di eseguire tutte le operazioni con la propria firma unica e senza bisogno del permesso dell'altro. Inoltre, il denaro depositato in un conto cointestato appartiene per metà a ciascun titolare del conto.

Alcuni importi rimangono invece di personale proprietà di uno dei coniugi. Si tratta dei soldi posseduti del tuo matrimonio, del denaro avuto in regalo o in eredità, prima o durante il matrimonio, del capitale risultante dalla vendita di un bene proprio.

Non appena si è sotto il regime della comunione dei beni, il denaro acquisito dopo il matrimonio è un bene comune, anche se depositato in un conto personale. Questo vale anche per i tuoi investimenti finanziari.

Anche se uno dei coniugi ha messo da parte risparmi in autonomia, la metà appartiene anche al coniuge, a meno che non possa dimostrare che questi soldi provengono da una donazione, da un'eredità o si tratta di denaro posseduto prima del matrimonio. Allo stesso modo, se si vendono beni immobili o mobili di cui si è l'unico proprietario o che si ha ricevuto durante il matrimonio, il capitale rimane di proprietà e appartiene a una sola parte.

Casi 2021 da sapere su gestione conto corrente

Spesso i coniugi aprono un conto corrente cointestato sul quale ciascuno può effettuare qualsiasi operazione tra prelievi, assegni, bonifici e versamenti con la sua sola firma e senza bisogno del permesso dell'altro. Un conto cointestato è un conto bancario collettivo sul quale le operazioni effettuate devono essere approvate da tutti i cointestatari. L'apertura e la chiusura del conto devono essere sottoscritte da tutti i cointestatari.

Un conto può essere trasformato in un conto cointestato da uno o da tutti i titolari del conto. La banca potrebbe addebitarti una commissione per il mantenimento del conto. In linea di principio, qualsiasi deposito o prelievo deve essere effettuato con la firma di tutti i cointestatari del conto. I cointestatari possono altresì designare, tra di loro, un rappresentante di conto per l'espletamento delle ordinarie operazioni bancarie (prelievi e depositi in particolare).

La legge non prevede la solidarietà tra i cointestatari di un conto indiviso. Tuttavia, la maggior parte delle banche prevede una clausola di solidarietà tra i comproprietari nell'accordo per l'apertura del conto cointestato. La banca può quindi contattare uno qualsiasi dei co-titolari (o dei loro eredi) per regolarizzare debiti o incidenti di pagamento.

Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il