Incentivi auto usate 2020 per covid in Dl Rilancio. Per quali modelli e importi possibile

A fare la differenza sono la soglia di emissioni massima di anidride carbonica tra il 61 e 110 grammi per chilometro e la disponibilità di un'auto da rottamare.

Incentivi auto usate 2020 per covid in D

Nuovo piano di incentivi per il settore delle auto, anche usate, che si affianca al bonus già esistente. Alla base della decisione c'è la volontà di rimettere in piedi un comparto che sta attraversano una crisi senza precedenti con un forte calo del numero di immatricolazioni.

Ecco quindi lo stanziamento di contributi anche per le auto Euro 6 sia benzina sia diesel ovvero 1.500 euro di bonus statale e 2.000 euro da parte delle concessionarie per gli acquirenti di un nuovo modello entro il 31 dicembre 2020.

A fare la differenza sono la soglia di emissioni massima di anidride carbonica tra il 61 e 110 grammi per chilometro e la disponibilità di un'auto da rottamare. con almeno 10 anni di vita per ottenere tutto l'incentivo. I cittadini che invece non rottameranno un'auto datata beneficeranno dell'importo dimezzato quindi 1.750 euro per l'acquisto di auto Euro 6 con emissioni il CO2 tra 61 e 110 grammi al chilometro.

C'è un preciso percorso procedurale da seguire che riguarda anche le auto usate, di cui non importano chilometraggio e anno di immatricolazione. Vediamo quindi

  • Auto usate, nuovo incentivo 2020 per Covid
  • Modelli e importi per incentivo auto usate

Auto usate, nuovo incentivo 2020 per Covid

I nuovi incentivi auto, da sfruttare anche per l'usato, potenziano l'ecobonus in vigore e ampliano la platea potenziale di persone che possono appunto sfruttare gli sconti al di là di vetture soltanto elettriche ibride plug-in. Sono infatti oggetto di incentivi anche i veicoli alimentati a benzina e diesel, purché con motorizzazione Euro 6.

Per capire l'entità degli importi e la vastità dei modelli di auto usate che possono essere comprati dal concessionario con una riduzione di prezzo è innanzitutto utile ricordare la presenza dell'ecobonus originario fino a 6.000 euro con auto da rottamare (lo vedremo meglio nel paragrafo successivo) e che è indirizzato alle elettriche e alle ibride plug-in.

L'attuale incentivo auto prevede invece un bonus di 1.500 euro se il concessionario effettui uno sconto di altri 2.000 euro in caso di rottamazione di una auto con almeno 10 anni di immatricolazione. Senza la disponibilità di un'auto da rottamare l'incentivo è invece ridotto.

Sono numerose le particolarità che caratterizzano questa nuova facilitazione economica: gli incentivi possono essere richiesti solo per le auto comprate fra il primo agosto e il 31 dicembre 2020 nel caso di auto alimentate a benzina, diesel o ibrida, ma con il limite di prezzo di 40.000 euro al netto dell'Iva ed emissioni di anidride carbonica tra 61 e 110 grammi per chilometro.

Modelli e importi per incentivo auto usate

Fino al 31 dicembre 2021 il governo ha assicurato i fondi per la copertura della spesa, a differenza del nuovissimo incentivo che dura fino alla fine di quest'anno. Non è importante quale sia la formula d'acquisto purché rientri tra i due scaglioni di emissione: da 0 a 20 grammi al chilometro si ha diritto a 4.000 euro di incentivo senza rottamazione di un veicolo Euro 0, Euro 1, Euro 2, Euro 3 ed Euro 4.

L'importo sale a 6.000 euro per un elettrica con contestuale rottamazione di un veicolo inquinante. Il secondo scaglione è previsto tra 21 grammi al chilometro e 60 grammi al chilometro di anidride carbonica e in questo caso l'incentivo è di 1.500 euro senza rottamazione e 2.500 euro con la rottamazione.

Occorre però ricordare la presenza di un limite di prezzo della vettura al netto dell'Iva, pari a 50.000 euro. A completare il quadro, anche alcune regioni o comuni hanno introdotto incentivi simili e pertanto il vantaggio può arrivare a cifre molto simili.

Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il
Ultime Notizie