BusinessOnline - Il portale per i decision maker








770 2014 proroga scadenza 19 settembre o 15, più difficile fine mese. Attesa comunicazione ufficiale Governo, Agenzia Entrate

Nuova apertura del governo a possibile proroga presentazione Modello 770 2014: le nuove dichiarazioni del sottosegretario Zanetti




AGGIORNAMENTO: Il sottosegretario Zanetti ha confermato la proroga del 770 2014 che, ormai, è praticamente certa. Non vi è la data precisa ma l'inviod el modello 770 semplificato o ordinario dovrebbe avvenire il 15 o il 19 Settembre. La conferma arriverà solo con una circolare attuativa dell'Agenzia delle Entrate a cui seguirà un decreto del Governo Renzi

Dopo la lettera di richiesta per la proroga inviata a premier Renzi, ministro dell’Economia Padoan e sottosegretario Delrio, dall’Associazione consulenti del Lavoro, ieri, sull’eventuale rinvio di presentazione del modello 770 dal 31 luglio al prossimo 30 settembre,  Sottanelli ha presentato un'interrogazione al governo proprio perché confermi la possibilità di rimandare la trasmissione del 770 all'Agenzia delle Entrate al prossimo mese di settembre. Ma non solo, perché la proposta di rinvio a settembre potrebbe in realtà valere come nuova data fissata per ogni anno. Considerando, infatti, che puntualmente, a causa delle tante scadenze fiscali, vengono chieste proroghe, allora sarebbe meglio, secondo l’interrogazione presentata, fissate a settembre la data definitiva di presentazione del modello 770.

Insieme a commercialisti e Ancl (associazione nazionale consulenti del lavoro) anche l’Int (tributaristi) chiede la proroga dei termini di scadenza del modello 770 2014, e forse a causa delle continue richieste di proroga che piovono e per il sempre più associarsi di professionisti, in risposta ad un question time in commissione Finanze alla Camera (5-03274), il sottosegretario all'Economia Zanetti, che solo qualche giorno aveva dichiarato che non esistevano presupposti di proroga al momento, ha invece detto ora che “Il Governo si riserva di valutare a stretto giro la conciliabilità tra le problematiche tecniche e le richieste di proroga che stanno pervenendo dalle associazioni di rappresentanza di consulenti del lavoro, commercialisti e tributaristi”.

Inoltre, con la risposta ad altri question time (quesiti 5-03725 e 5-03726), il Mef ha sipiegato che “la denuncia all'autorità giudiziaria del consulente da parte del contribuente che non ha versato le imposte a causa di condotte fraudolente del professionista, blocca le sanzioni anche nel caso si tratti di consulente non iscritto ad Albo. Non è necessaria la condanna del professionista, ma il conferimento del mandato non deve essere inficiato da culpa in eligendo, ossia affidato a soggetto che appaia all'evidenza non affidabile, né da culpa in vigilando del contribuente circa l'assolvimento dell'obbligo tributario”.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il