BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Canone Rai 2016 in bolletta: come funziona ufficiale. Chi paga quanto e quando tv, computer, cellulari prima casa, seconda,affitto

Il canone Rai 2016 in bolletta è una delle principali novità per i contribuenti italiani. L'importo cala a 100 euro da pagare a rate.




Il 2016 è l'anno del canone Rai 2016 in bolletta. L'importo da corrispondere sarà per il prossimo anno pari a 100 euro rispetto ai 113,50 euro del 2015. L'imposta si pagherà solo sulla prima casa, anche su quelle in affitto e verrà data per certa la presenza di un televisore, elemento discriminate per passare alla cassa al contrario di PC, smartphone e tablet, nel caso di intestazione di una utenza domestica. Spetta al singolo contribuente dimostrare il contrario all'Agenzia delle entrate con un'autocertificazione che può naturalmente essere soggetta a controlli. Il Ministero dello Sviluppo Economico emanerà il decreto con tutte le informazioni entro 45 giorni dalla pubblicazione della manovra in Gazzetta Ufficiale, e dunque entro la metà del mese di febbraio.

La voce del canone Rai sarà indicata separatamente rispetto a quella relativa al consumo di energia elettrica. L'addebito può comunque avvenire in maniera automatica per entrambi gli importi. Il mancato versamento del canone 2016 non comporta l'interruzione del servizio della luce, ma solo multe fino a un massimo di 500 euro. La cifra comprende anche la tassa di concessione governativa e l'imposta sul valore aggiunto. Provando a fare un confronto con quanto è accaduto negli ultimi anni, nel caso di saldo della quota entro i 30 giorni successivi alla data di scadenza, la sanzione amministrativa è stata pari a 4,47 euro ovvero a un dodicesimo dell'importo per ogni semestre. Trascorso questo prime mese, l'importo è salito fino a 8,94 euro ovvero un sesto del canone per ogni semestre. La cifra massima non poteva in ogni caso superare i 619 euro.

Fino a questo momento, il canone può essere versato recandosi in un ufficio postale, nelle tabaccherie, telefonicamente, via Internet con carte di credito o con addebito bancario, attraverso il bancomat presso gli sportelli automatici, via smartphone e tablet attraverso l'app dedicata. Non sono previsti controlli per chi non ha finora corrisposto il canone, che potrà essere comunque richiesto entro dieci anni, e né sanatorie per tutti.

Poi ci sono alcune categorie ben precise che non sono tenute a versare il canone Rai. Oltre agli over 75 con basso reddito, sono i militari delle Forze armate italiane solo per ospedali militari, case del soldato e sale convegno dei militari delle Forze armate; militari di cittadinanza straniera appartenenti alle Forze Nato; agenti diplomatici e consolari stranieri accreditati in Italia solo se nel loro Paese i rappresentanti diplomatici italiani godano dello stesso trattamento; rivenditori e riparatori TV.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il