Raccolta differenziata condominio, responsabilitÓ e multe

Come funziona la raccolta differenziata in condominio e di chi Ŕ la responsabilitÓ di una corretta raccolta: cosa prevede la legge

Raccolta differenziata condominio, responsabilitÓ e multe

Come funziona la raccolta differenziata in condominio?

La raccolta differenziata in condominio segue quanto stabilito dai singoli regolamenti condominiali su orari e organizzazione della raccolta stessa, mentre sono le singole assemblee condominiali che decidere le modalità della raccolta differenziata in condominio e la destinazione d'uso dei contenitori per la raccolta. Tocca all’amministratore di condominio controllare che le regole stabilite vengano rispettate da tutti i condomini per evitare multe.

 

La raccolta differenziata in condominio, stando a quanto prevede la legge, segue regole spesso diverse in base ai Comuni: vi sono, infatti, molti Comuni del Nord Italia che nei loro condomini hanno aree apposite dedicate alla sistemazione dei contenitori per la raccolta differenziata, altri Comuni che invece hanno i contenitori fuori dal condominio ma hanno precise regole e orari da rispettare per buttare i rifiuti; molte città del Sud in cui l’abitudine del contenitore in condominio ed eliminazione dei grandi cassonetti per strada non è ancora arrivata. E poi ci sono città dove la raccolta differenziata si fa porta a porta.

E così le regole previste per la raccolta differenziata in condominio sono sempre diverse, per cui per evitare errori, e conseguenti eventuali multe, il consiglio è quello di consultare cosa il proprio Comune di residenza prevede sulla raccolta differenziata in condominio. Cerchiamo di vedere come funziona la raccolta differenziata in condominio.

  • Come si fa la raccolta differenziata in condominio?
  • Quali sono le responsabilità dell'amministratore di condominio per raccolta differenziata?
  • Quali sono le multe previste per chi fa un'errata raccolta differenziata?
  • Chi paga le sanzioni per raccolta differenziata tra condomino e condominio?

Come si fa la raccolta differenziata in condominio

La raccolta differenziata in condominio segue regole precise di divisione dei rifiuti da buttare e, per permettere a tutti i condomini di effettuare una corretta raccolta differenziata, i Comuni o il gestore del servizio hanno il compito di consegnare i contenitori per raccolta differenziata all’amministratore del condominio.

Sono i regolamenti comunali, dunque, a stabilire le aree pertinenziali dove devono essere collocati i contenitori dei rifiuti, mentre all'assemblea condominiale, con apposita delibera, spetta il compito di decidere le modalità della raccolta differenziata in condominio e la destinazione d'uso dei contenitori per la raccolta considerando che si tratta di beni comuni.

Raccolta differenziata condominio: responsabilità dell’amministratore

Tra i compiti dell’amministratore di condominio vi sono anche una serie di obblighi inerenti la raccolta differenziata in virtù della ‘conservazione della cosa comune’. Stando a quanto previsto dalle regole, infatti, l’amministratore di condominio deve:
ricevere e custodire i contenitori;
informare i condomini sulle norme per la custodia e la conservazione dei contenitori;
comunicare ai condomini come avviene la raccolta dei rifiuti nei diversi giorni della settimana;
organizzare manutenzione e lavaggio dei contenitori per la raccolta differenziata;
controllare che tutti i condomini rispettino le regole;

Se l’amministratore di condominio non osserva le norme appena riportate sulla raccolta differenziata e nei casi di mancanza di contratto con ditte specializzate per il lavaggio e la disinfezione dei contenitori per la raccolta dei rifiuti e lo smaltimento presso discarica può essere soggetto a multe e sanzioni.

Tuttavia, è opportuno anche chiarire che se i condomini non rispettano le regole per la corretta raccolta differenziata, sono responsabili dell’errore i condomini stessi e non si può ritenere l'amministratore di condominio responsabile di comportamenti negligenti dei condomini.

Quali sono le multe per raccolta differenziata errata?

La raccolta differenziata di plastica, metalli, vetro, carta deve essere accuratamente fatta da ogni condominio altrimenti si rischiano multe. L’entità della multa varia a seconda della gravità della violazione commessa nella raccolta. Sono, per esempio, previste multe tra 25 e 155 euro per chi usa il contenitore sbagliato per buttare i rifiuti o per chi butta i sacchetti della spazzatura in orari diversi da quelli indicati dal Comune.

Per l’applicazione delle multe, spesso il condominio fa uso degli impianti di videosorveglianza per capire quale sia il condominio che sbaglia a fare la raccolta differenziata e applicare le relative sanzioni.

Chi paga le sanzioni per raccolta differenziata tra condomino e condominio?

Se la raccolta differenziata viene fatta in maniera errata e le telecamere in condominio consentono di individuare il condominio o i condomini che sbagliano, per malafede o anche per semplice distrazione, la sanzione viene inflitta direttamente ai singoli condomini.

Tuttavia, il Comune ha la facoltà di infliggere le cosiddette sanzioni collettive, punendo tutto il condominio quando non si può individuare il singolo condominio che ha commesso l’errore nella raccolta differenziata. In questo caso, il Comune manda un verbale di contestazione al condominio, l’amministratore riceve il verbale di contestazione e, a sua volta, deve addebita la spesa all’intero condominio, dividendola secondo il criterio dei millesimi tra tutti i condomini che dovranno pagare senza esclusione di nessuno.
 

Ti Ŕ piaciuto questo articolo?







Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il
Ultime Notizie