Pensioni novità oggi venerdì primo taglio fatto pensioni d'oro in attesa pensioni anticipate, quota 100, opzione donna

Via libera al taglio delle pensioni d’oro alla Camera: come funziona il nuovo piano, percentuali di riduzioni ed esempi

Pensioni novità oggi venerdì primo tagli

Pensioni novita taglio pensioni oro Camera

Tagliate le pensioni d’oro dei dipendenti della Camera: un primo passo certamente verso equilibrio e cancellazione delle diseguaglianze, ma molto c’è ancora da fare. Le ultime notizie ad oggi venerdì 12 Aprile confermano il via libera ad un primo taglio delle pensioni d’oro, che potremmo definire simbolico, mentre a giugno arriverà anche per altri.

Pensioni d’oro tagliate: via libera alla Camera

Stando a quanto riportano le ultime notizie, nell'attesa di ulteriori miglioramenti richiesti alle novità pensioni anticipate, di quota 100 e opzione donna, l’ufficio di presidenza della Camera ha dato il via libera al taglio delle pensioni d'oro dei dipendenti, prevedendo un risparmio 20 milioni di euro l'anno (per cinque anni). Il presidente della Camera Roberto Fico ha sottolineato come il provvedimento altro non sia che applicazione della norma inserita nella legge di Bilancio.
Stando a quanto spiegato dallo stesso Fico, i tagli seguiranno le seguenti percentuali:

  1. del 15% per chi percepisce tra i 100.000 e i 130.000 euro;
  2. del 25% per chi prende da 130.000 a 200.000 euro l’anno;
  3. del 30% dai 200.000 ai 350.000 euro l’anno;
  4. del 35% dai 350.000 ai 500.000 euro/anno;
  5. del 40% per chi ha una pensione che supera i 500.000 euro annui.

Taglio pensioni d’oro: da giugno al via per tutti

Se l’avvio del piano di taglio delle pensioni interessa da subito i dipendenti della Camera, dal prossimo mese di giugno, come confermano le ultime notizie, saranno interessati dal taglio tutti coloro che percepiscono dai 100mila euro in su e si parla di 35.642 persone, pari allo 0,22% dei pensionati totali, per risparmi previsti dal governo di circa 415 milioni di euro.

Per fare qualche esempio pratico di come agirà il taglio sull’importo della pensione, prendendo il caso di una pensione da 120mila euro lordi, il taglio per quest’anno sarà di 1.710 euro al netto dell’Irpef e senza considerare le minori trattenute per addizionali regionali e comunali. Il taglio netto è su 13 mensilità e a giugno dovrebbe aggirarsi attorno ai 131,5 euro. Chi percepisce una pensione di 350.000 euro anni subirà un taglio di ben 67.000 euro, somma delle aliquote applicate sui tre scaglioni che compongono la sua pensione lorda (15%, 25%, 20%).

Iscriviti al nostro gruppo Facebook sulle pensioni per rimanere aggiornato su tutte le novità: