BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Esodati: serve semplificazione per avere pensione con nuovo decreto 2 Aprile 2013 rispetto Fornero

Come risolvere la questione esodati: i nodi da sciogliere



Finiranno in Aula il prossimo due aprile le questioni sui debiti della pubblica amministrazione e quella sugli esodati. Per discutere proprio di questo è stata istituita una Commissione speciale in materia. In particolare, la supercommissione dovrà esaminare la relazione del governo per l'aggiornamento del Def, propedeutica al decreto sui debiti della pubblica amministrazione, lo schema di Dpr sull'8 per mille e lo schema di decreto che riguarda i requisiti di accesso alla pensione per gli esodati.

Il compito della Commissione sarà non quello di dar vita a novità che possano tutelare ulteriori esodati, quanto assicurarsi che i provvedimenti già realizzati dal governo vengano messi in atto per assicurare la salvaguardia ai primi tutelati.

Tra i problemi da affrontare quello, per esempio, di coloro che pur avendo i requisiti per uscire dal lavoro non sono rientrati nella prima platea dei 65mila salvaguardati e che hanno però la possibilità di rientrare nel secondo gruppo dei 55mila.

Ma tutto sembra piuttosto confuso: secondo Alessandro Costa, ex dirigente Telecom, oggi referente di migliaia di esodati, le indicazioni dell’Inps sono piuttosto confuse.

Se, infatti, da una parte è chiaro il posticipo della data limite fissata al 5 gennaio 2015 al posto del 5 gennaio 2014, dall’altra non è affatto chiaro chi potrà effettivamente rientrare nella platea dei 55mila tutelati provenienti dal gruppo dei 65mila.

Ed ecco che, allora, perché la questione esodati venga discussa in modo chiaro ed esauriente il prossimo due aprile in Aula è necessario chiarire e semplificare quanto comunicato dall’Istituto.

Secondo Costa, andrebbero innanzitutto verificate le pratiche di assegno di pensione alla luce dei tre decreti pensati a tutela dei primi 130mila esodati, individuare davvero le posizioni di salvaguardia e liquidarle. L’obiettivo finale è quello di riuscire a salvaguardare tutti. 

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il