Di quanto aumenta pensione tra i 500-2200 a Luglio e nel 2023 con rivalutazione ufficiale

di Marianna Quatraro pubblicato il
Di quanto aumenta pensione tra i 500-220

aumento pensione 500 2200 euro Luglio 2023

Per chi e quanto aumentano gli importi delle pensioni il prossimo mese di luglio e come cambiano ancora nel 2023 per chi prende tra 500-2.200 euro

Di quanto aumenta pensione tra i 500-2200 a Luglio e nel 2023 con rivalutazione ufficiale? Le pensioni del prossimo mese di luglio si annunciano decisamente ricche, tra quattordicesima e bonus una tantum da 200 euro che si prepara ad essere erogato ai pensionati ma anche ai lavoratori. Vediamo allora quanto aumentano le pensioni a luglio e non solo. 

  • Quanto aumenta pensione tra i 500-2200 a Luglio
  • Rivalutazione ufficiale 2023 come cambia ancora pensione 500-2200 euro


Quanto aumenta pensione tra i 500-2200 a Luglio

Le pensioni di luglio si preparano ad aumentare sia per effetto del calcolo della quattordicesima sia per effetto del nuovo bonus da 200 euro.

Partendo dalla quattordicesima, si tratta di una somma aggiuntiva all’importo di pensione che mensilmente un pensionato percepisce ma che, precisiamo, non spetta a tutti. 

La quattordicesima spetta ai pensionati che percepiscono le seguenti prestazioni:

  • pensione di vecchiaia;
  • pensione anticipata; 
  • pensione di reversibilità ai superstiti;
  • assegno ordinario di invalidità; 
  • pensione di inabilità.

Per avere diritto alla quattordicesima bisogna, però, rispettare specifiche condizioni. La quattordicesima è, infatti, di importo variabile da 437 a 655 euro per i pensionati con un minimo di 64 anni e un reddito inferiore a 1,5 volte il valore della pensione minima (525,38 euro), cioè 10.244,91 euro lordi annui, mentre per i pensionati che hanno più di 64 anni e con un reddito individuale tra una volta e mezzo e due il trattamento minimo, ma entro i 13.659,88 euro lordi l’anno, l’importo della 14esima varia tra i 336 e i 504 euro, anche in rapporto agli anni di versamento dei contributi. 

I pensionati che hanno diritto alla quattordicesima a luglio, insieme a tutti gli altri pensionati, a luglio avranno anche ulteriori 200 euro di bonus una tantum e si tratta di una misura che spetta a tutti i pensionati che hanno un reddito annui entro i 35mila euro, per cui anche a chi percepisce una pensione tra 500-2200 euro. 

Se si percepisce una pensione di 800 euro a luglio avrà un aumento di 700 euro circa, tra quattordicesima e bonus, che possono arrivare anche a 800 euro, per un totale mensile di 1.500-1.600 euro. 

Chi percepisce, invece, una pensione da 1.200 euro, o 1.300 euro al mese, a luglio avrà solo un aumento di pensione di 200 euro per il bonus, non avendo diritto alla quattordicesima per reddito fuori dai requisiti richiesti, per un totale di 1.400 euro, 1.500 euro. Stesso discorso per chi percepisce fino a 2mila-2.200 euro di pensione che a luglio avrà tra 2.200-2.400 euro, un aumento comunque di 200 euro.

Rivalutazione ufficiale 2023 come cambia ancora pensione 500-2200 euro

Le pensioni tra 500-2.200 euro aumentano ancora nel 2023 per effetto della nuova rivalutazione ufficiale e si tratta di una rivalutazione che interesserà l’assegno generalmente percepito e che non sarà calcolato sugli aumenti di luglio.

La rivalutazione delle pensioni che avviene anno adeguando gli importi delle pensioni ai valori Istat per dare potere di acquisto ai pensionati quest’anno è avvenuta su un tasso provvisorio dell’1,7% ma per il prossimo 2023 è stato approvato un tasso definitivo all'1,9% e l’indice più alto si tradurrà nel 2023 in ulteriori aumenti delle pensioni.

La rivalutazione delle pensioni nel 2023 avverrà, dunque, non più sull’indice di ora all’1,7% ma su un indice all’1,9% e al:

  • 100% per le pensioni fino a tre volte il minimo (fino a 2062 euro lordi);
  • 90% per le pensioni tra tre e cinque volte il minimo (fino a 2577,90 euro);
  • 75% per gli assegni oltre cinque volte il minimo (importi lordi oltre 2.577,90 euro).

Per effetto della nuova rivalutazione, nel 2023 gli aumenti delle pensioni tra 500-2200 euro saranno tra circa 10 e poco più di 40 euro.

In particolare, le pensioni tra 500-2200 euro aumenteranno nel 2023 con nuova rivalutazione rispetto ad ora nel seguente modo: 

  • 8,5 euro per chi percepisce una pensione da 500 euro diventeranno 9,50 euro nel 2023;
  • 10,20 euro per chi percepisce una pensione da 600 euro diventeranno 11,40 euro nel 2023;
  • 11,90 euro per chi percepisce una pensione da 700 euro diventeranno 13,30 euro nel 2023;
  • 13,60 euro al mese per chi percepisce una pensione da 800 euro ora diventeranno 15,20 euro nel 2023;
  • 15,30 euro al mese per chi percepisce una pensione da 900 euro ora che diventeranno 17,10 euro nel 2023;
  • 17 euro per chi percepisce una pensione da 1.000 euro al mese ora che diventeranno 19 euro nel 2023;
  • 18,70 euro per chi percepisce una pensione da 1.100 euro ora che diventeranno 20,90 euro nel 2023;
  • 20,40 euro per chi percepisce una pensione di 1.200 euro ora che diventeranno 22,80 euro nel 2023;
  • 22,10 euro per chi percepisce pensioni da 1.300 euro al mese ora che diventeranno 24,70 euro nel 2023;
  • 23,80 euro per chi percepisce pensioni da 1.400 euro al mese ora che diventeranno 26,60 euro nel 2023;
  • 25,50 euro per chi percepisce pensioni da 1.500 euro al mese ora che diventeranno 28,50 euro nel 2023;
  • 27,20 euro per chi percepisce pensioni da 1.600 euro al mese ora che diventeranno 30,40 euro nel 2023;
  • 28,90 euro per chi percepisce pensioni da 1.700 euro al mese ora che diventeranno 32,30 euro nel 2023;
  • 30,60 euro per chi percepisce pensioni da 1.800 euro al mese ora che diventeranno 34,20 euro nel 2023;
  • 32,30 euro per chi percepisce pensioni da 1.900 euro al mese ora che diventeranno 36,10 euro nel 2023;
  • 34 euro per chi percepisce pensioni da 2.000 euro al mese ora che diventeranno 38 euro nel 2023;
  • 35,64 euro per chi percepisce pensioni da 2.100 euro al mese ora che diventeranno 40 euro nel 2023;
  • 37,17 euro per chi percepisce pensioni da 2.200 euro al mese ora che diventeranno 41,80 euro nel 2023.