Pensioni calcolo 2017 quando andare e quanto importo pensioni nel 2017 con simulatore online INPS e migliori calcolatori online

Ecco come fare a calcolare l'importo dell'assegno previdenziale alla luce delle ultime novità per le pensioni.

Pensioni calcolo 2017 quando andare e qu

Pensioni calcolo nel 2017



Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 9:49): I simulatori per il calcolo delle pensioni online su Internet sono molti ma si possono dividere in tre categorie principali:

  1. Calcolo pensioni quando si può andare
  2. Calcolo valore pensioni, l'importo che si prenderà
  3. Calcolo pensioni sulle novità per le pensioni per uscire prima

​Infatti, tutti i calcolatori attualmente online spiegano quando e come e con che importo si potrà uscire nel 2017, ma non tengono ancora conto delle novità per le pensioni delle mini pensioni con oneri e senza oneri e quota 41 in quanto non ancora ufficiali. L'unico che al momento lo fa è il nostro che si basa su tutte le ultime notizie e ultimissime dei meccanismi di funzionamenti che questi sistemi avranno. E lo potete trovare sotto.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 21:03): Quando potrò andare in pensione? A quale età? E con quale pensione, ovvero con quale assegno? Quanto prenderò? Sono queste le domande che si pongono milioni di italiani dopo le varie novità per le pensioni e in generale dopo le tante ultime notizie e ultimissime. E i simulatori online e calcolatori migliori sono già in grado di dare risposte per il 2017 e non solo.

Per valutare con cognizione di causa se esistono le condizioni per scegliere la stretta del congedo un po' prima rispetto a quanto previsto della norme sulle pensioni, occorre procedere con i necessari calcoli preventivi. Solo in questo modo è possibile capire la convenienza delle novità per le pensioni rispetto alle personali posizioni. Prima di rivolgersi a Caf e commercialisti, è possibile procedere in autonomia sfruttando uno dei tanti simulatori online gratuiti offerti dalla Rete. Uno di questi è proprio il nostro, gratuitamente sfruttabile senza l'installazione di software esterni, aggiornato alle ultime notizie pensioni.

Non ci sono difficoltà nel suo utilizzo: basta inserire pochi dati ovvero la pensione netta, quella che si otterrebbe in base all'attuale legge previdenziale, il numero di mesi di uscita anzitempo, da un minimo di 6 mesi a un massimo di 43, la somma che si desidera tra il 70% e il 100%, l'appartenenza a categorie tutelate tra disabili, disoccupati da lungo termine, assistenti a disabili, attività faticose, l'assicurazione proporzionale, il tasso interesse in favore degli istituti di credito. Si ricorda in riferimento a quest'ultimo parametro non c'è ancora la quota definitiva. I risultati sono otto: pensione netta percepita al mese; la rata da pagare per la restituzione con interessi inclusi per 20 anni; l'assicurazione mensile; eventuali detrazioni; la rata della pensione percepita dopo i 36 mesi di anticipo, la percentuale decurtata, il totale della pensione per chi smette anzitempo, l'importo finale da corrispondere.

Non si tratta naturalmente dell'unica opportunità e un'altra strada percorribile è quella di irpef.com. Poi c'è il simulatore proposto dal quotidiano economico-finanziario il Sole 24 Ore: l'intera procedura è eseguibile online e permette di conoscere decorrenza della pensione, età al pensionamento, tasso di sostituzione, anzianità contributiva complessiva, tipo di calcolo, pensione netta di vecchiaia, reddito netto ante pensione e differenza. Naturalmente è anche è la stessa Inps a proporre una soluzione: basta recarsi alla sezione La Mia Pensione del sito ufficiale, accedere attraverso il Pin ordinario, eventualmente richiedibile sulla la sezione Il Pin online presente nello stesso sito. Non mancano alcuni limiti.

A proposito, quali sono i requisiti ordinari per andare in pensione nel 2017? Per la pensione di vecchiaia gli uomini e le lavoratrici del comparto pubblico devono raggiungere 66 anni e 7 mesi di età; le lavoratrici del settore privato 65 anni e 7 mesi, quelle autonome andranno a 66 anni e 1 mese. La contribuzione richiesta è di 42 anni e 10 mesi per gli uomini, di 41 anni e 10 mesi per le donne.

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Chiara Compagnucci pubblicato il