Errori su importi pensioni erogate, in arrivo numerose lettere da INPS

di Chiara Compagnucci pubblicato il
Errori su importi pensioni erogate, in a

Errori Inps diffusi sugli assegni di pensione

L'errore del principale istituto di previdenza italiano è stato ripetuto mese dopo mese fino ad accumulare anni su anni per arrivare a importi fuori misura.

Succede anche all'Inps di sbagliare e come insegnano gli errori del passato, a pagare il prezzo più salato sono i pensionati. Questa volta il caso è ancora più singolare perché gli sbagli del principale istituto di previdenza italiano sono all'eccesso. Proprio così: ha erogato assegni previdenziali più alti del dovuto.

Di per sé l'impatto dovrebbe essere limitato perché è sufficiente recuperare la differenza tra la cifra esatta e quella effettivamente corrisposta per risolvere il disguido.

Peccato solo che l'errore è stato ripetuto mese dopo mese fino ad accumulare anni su anni per arrivare a importi fuori misura.

E allo stesso tempo non si tratta di pochi casi isolati perché sarebbero numerosi i pensionati coinvolti in questa vicenda tragicomica. A tutti loro è stata naturalmente chiesta e pretesta la restituzione.

Di per sé nulla di legalmente scorretto, se non che il disorientamento provocato non può che essere molto diffuso poiché questi ex lavoratori si trovano al centro dell'attenzione a distanza di tantissimi anni e per cifre di diverse migliaia di euro. Vediamo tutto ra

  • Pensioni sbagliate, arrivano le lettere dell'Inps
  • Errori Inps diffusi sugli assegni di pensione

Pensioni sbagliate, arrivano le lettere dell'Inps

Succede che da un giorno all'altro i pensionati si vedono recapitare dall'Inps una lettera con cui viene chiesta la restituzione di somme indebitamente percepite.

E non si tratta di cifre di poco conto ovvero di poche decine di euro, ma di importanti variabili che possono essere ben maggiori di 10.000 euro.

Dipende dall'errore di calcolo commesso dall'Istituto di previdenza, ma anche dal numero delle mensilità in cui lo sbaglio è stato rinnovato e ripetuto. Il numero dei pensionati coinvolti in questa vicenda di restituzione di soldi da pensione è imprecisato ma la richiesta di tutela e di spiegazione agli studi legali è in aumento.

Di certo c'è che, sulla base dei casi resi pubblici, sono i pensionati con assegni dall'importo contenuto a trovarsi nel bel mezzo di questa storia. Pensionati per cui anche una minima variazione della cifra percepita tutti i mesi può fare la differenza.

Resta da chiedersi fino a che punto l'iter dell'Inps sia perfettamente corretto considerando una recente sentenza della Corte di Cassazione secondo cui l'istituto di previdenza può rettificare in ogni momento le pensioni per via di errori di qualsiasi natura, ma non potrebbe recuperare le somme già corrisposte, a meno che l’indebita prestazione sia dipesa dal dolo dell'interessato.

Errori Inps diffusi sugli assegni di pensione

A confermare la diffusione degli errori da parte dell'Inps è l'avvocato Celeste Collovati che al taccuini del Giornale ricorda il caso di un pensionato che si è rivolto a uno studio legale perché si è visto arrivare una comunicazione in cui l'Istituto nazionale della previdenza sociale gli chiedeva la restituzione di 14.000 euro con la motivazione di aver scoperto una variazione del reddito da pensione negli ultimi tre anni.

Ricorda anche il secondo episodio di una pensionata di 90 anni che ha ricevuto una richiesta di versamento da parte dell'Inps di 2.200 euro con l'Inps che contesta un aumento di reddito negli ultimi 7 anni. Ma, fa ancora presente l'avvocato, è una "cosa del tutto impossibile".

Iscriviti al nostro gruppo Facebook sulle pensioni per rimanere aggiornato su tutte le novità: